Comunicato Stampa Annullamento Manifestazioni 2020

AVVISO-ANNULLAMENTO

UFFICIALE: ANNULLATA LA MARATONINA DELLA VITTORIA

Il nuovo decreto della presidenza del consiglio dei ministri, ieri sera, ha sospeso le manifestazioni sportive sino al 3 aprile: domenica 15 marzo non si correrà sulle strade di Vittorio Veneto. Il comitato organizzatore: “Arrivederci al 2021”. Annullato anche il Trail del Patriarca del 29 marzo   

Vittorio Veneto (Treviso), 5 marzo 2020 – Hanno sperato sino all’ultimo, ma ieri sera gli organizzatori della Maratonina della Vittoria si sono dovuti arrendere: l’edizione 2020 della mezza maratona di Vittorio Veneto, prevista domenica 15 marzo, non si svolgerà. Annullati anche gli eventi collaterali, come la Vittorio City Run, che avrebbero arricchito un evento atteso da migliaia di runners.  

Il decreto della presidenza del consiglio dei ministri, firmato ieri sera dal premier Conte, ha esteso al 3 aprile il divieto di organizzazione di manifestazioni sportive. Questo impedirà lo svolgimento della gara vittoriese che nei giorni scorsi aveva comunicato il raggiungimento dei 1200 iscritti. La 7^ edizione della Maratonina della Vittoria slitterà così al 2021 e tutte le iscrizioni saranno automaticamente trasferite al prossimo anno, senza alcun ulteriore addebito.   

Nelle ultime settimane abbiamo lavorato moltissimo, la speranza era comunque quella di riuscire ad organizzare l’evento – hanno spiegato il presidente della Scuola di Maratona, Ivan Cao, e il consigliere delegato per l’evento Vittorio Buriola in un messaggio video che nell’arco di poche ore ha ottenuto diverse migliaia di visualizzazioni ed è stato molto apprezzato dagli atleti  -. Questa sera (ieri sera per chi legge, ndr) era prevista una delle ultime riunioni con i referenti dei vari settori, ma è saltata perché nel frattempo è giunta la notizia del nuovo decreto. Ci dispiace molto, ma noi organizzatori abbiamo anche una responsabilità sociale e la sicurezza degli atleti viene prima di tutto. Abbiamo anche pensato ad uno spostamento in autunno, ma rischiavamo di portare scompiglio in un calendario già definito, creando disagi ad altri organizzatori. Ringraziamo i volontari che si sono spesi al massimo in questo mesi di lavoro, l’amministrazione comunale che è sempre al nostro fianco e i tanti sponsor che ci hanno già rinnovato la fiducia per il futuro. Arrivederci al 2021”.

Il nuovo decreto ha determinato anche l’annullamento dell’edizione 2020 del Trail del Patriarca, che la stessa Scuola di Maratona avrebbe dovuto organizzare due settimane dopo la Maratonina della Vittoria, il 29 marzo, alle pendici del Cansiglio. Anche in questo caso l’appuntamento va al prossimo anno.

Auguriamo a tutto il Nostro Paese di superare presto questa difficile sfida contro il Corona Virus e vi aspettiamo ancora più numerosi il prossimo 21 marzo 2021.

Ivan Cao, Presidente.

Vivere la Maratonina (episodi 5 e 6)

Il Meschio Vittorio Veneto

Buongiorno Web Runners!..

Come ogni sabato eccoci con il nuovo episodio di Vivere la Maratonina, la rubrica che ci racconta il percorso della 7a Maratonina della Vittoria – 15 Marzo 2020 ?‍♀️?‍♂️?‍♀️?‍♂️

Se avete perso gli episodi precenti li trovate raccolti (due a due) ne lnostro blog, alla categoria Vivere la Maratonina.

La scorsa settimana ci siamo lasciati nel mondo incantato di Sarmede, tra arte, paesaggi e murales ? ma ora è il momento di lasciarci alle spalle la fantasia e continuare a correre!..

Tra poco passerete davanti alla Chiesetta della Santissima Trinità.

? ????????à:
La fondazione di questa cappella risale all’VIII-IX secolo, in un’epoca in cui questo territorio era sotto il dominio dei longobardi.
Detta anche chiesa della Mattarella (per il nome dell’antico proprietario dei terreni su cui sorse) o Capella Campestris, questa chiesa è all’origine del nome di Cappella Maggiore. Negli anni 2000 ha beneficiato di un importante restauro conservativo, che l’ha riportata all’antico splendore.

Lasciata la storia alle spalle, il percorso svolta a nord ed inizia il ??????? ????? ???????? ??????.

?‍♀️?‍♂️?‍♀️?‍♂️

Siamo giunti al 13°km, state correndo in mezzo alla campagna trevigiana, non ci sono autisti nervosi a distrarvi e avete tutta la pace della natura intorno a voi che vi permette di mantenere la concentrazione.

Le stradine di campagna che percorrete fino al 16°km sono il posto giusto per fare un check up del corpo e delle energie a disposizione: le gambe fluiscono nel loro movimento ritmico in accordo con il respiro, le caviglie continuano a spingere, la mente è rilassata..

Al 16°km inizia il tratto più bello e caratteristico della Maratonina!

Si imbocca la pista ciclabile che da San Giacomo di Veglia porta su, in centro a Vittorio Veneto. E’ la parte finale del percorso che segue il fiume Meschio.

Curiosità: Il Meschio nasce in una conca sotto le pendici del Col Visentin, all’interno del comune di Vittorio Veneto. Sul Meschio è sorto il centro storico di Serravalle, in età medievale rinomato per la produzione armaiola che utilizzava le acque del fiume per la tempra delle lame.
In epoca contemporanea, ha fornito forza motrice alle numerose piccole industrie della lana e della seta che sono sorte lungo il suo corso e le cui strutture caratterizzano tuttora il paesaggio.

La pendenza è leggermente positiva, inizia a farsi sentire, ma davanti a voi un panorama incantevole apre il cuore e toglie, anche se leggermente, la fatica: i monti che alla partenza vedevate alla vostra sinistra ora si stagliano proprio davanti ai vostri occhi.

Fino al 20°km, il Fiume sarà il vostro alleato e compagno di viaggio, molto probabilmente incontrerete anche qualche airone cenerino, ormai abituato ad osservare i runners lungo questo tratto.

Arrivare al 20°km non sarò facile, ma poi.. per chi sarà ancora lucido..
Lo scoprirete nella prossima puntata! ????

Manca pochissimo ragazzi, sabato prossimo ultimo episodio di Vivere la Maratonina ??

La Corsa e il Freddo

il-freddo-e-la-corsa

L’allenamento a bassa temperatura.

Carissime e carissimi Web Runners!

Come procedono i vostri allenamenti invernali?!

Noi vi immaginiamo come impavidi guerrieri che combattono eroicamente contro l’indolenza, contro il potere magnetico del divano e delle pantofole, evitando i terribili attacchi di un mostro sovraumano chiamato “sedentarietà”.

Immaginiamo bene??! Forse non vogliamo saperlo, lasciateci con i nostri sogni di gloria…

Nell’articolo di oggi parliamo del freddo, ovvero l’alleato più fedele del nostro nemico invernale numero 1, la pigrizia.

Se durante i mesi primaverili ed estivi correre ed in genere stare all’aria aperta sono quasi un’esigenza, nel periodo più rigido dell’anno uscire ad allenarsi non è esattamente una passeggiata.

Però… c’è un però! Le basse temperature riservano delle sorprese decisamente positive per noi runners.

Correre al freddo richiede uno sforzo superiore al nostro corpo, che deve bruciare molte più calorie per mantenere la giusta temperatura.

La circolazione è più difficile e il cuore fa più fatica a spingere il sangue fino alle estremità.

Risultato? Migliorano resistenza cardiaca e vascolarizzazione, a beneficio della salute e delle performance sportive.

Il motto quindi è: correte molto d’inverno e in primavera sfreccerete come missili! …o giù di lì.

Per non parlare di chi corre per smaltire qualche kilo di troppo: correre d’inverno fa consumare circa il 95% in più delle calorie rispetto all’estate, quindi combattere la pigrizia in questo caso vale doppio!

Certo, è importante essere ben organizzati con l’abbigliamento, magari seguendo la regola dei 3 strati:

  1. idratazione: scegliete un abbigliamento intimo di tessuto naturale e traspirante
  2. isolamento termico: proteggetevi dal freddo con una maglia termica aderente
  3. protezione da vento e pioggia: giacca impermeabile per difendervi dall’aria fredda e dall’umidità

Lo studio di un’importante equipe di ricerca americana ha evidenziato una correlazione diretta tra l’allenamento aerobico (specie in condizioni di basse temperature) e l’aumento dei livelli di Vitamina D nel sangue, con benefici documentati sia per l’apparato cardiorespiratorio che per la salute delle ossa.

La vitamina D è prodotta per il 50-90% dalla pelle, grazie all’esposizione solare. D’estate è chiaramente più facile, ma d’inverno dobbiamo sfruttare le poche ore di luce per rimanere all’aperto e dare modo al nostro corpo di creare questo vero e proprio nettare del benessere.

E quale modo migliore di stare all’aperto, se non correre??!

Tra l’altro, se vi fosse sfuggito, manca meno di un mese alla Maratonina della Vittoria, quindi forza con gli allenamenti!

Il 15 Marzo correremo anche la Vittorio City Run, con i due percorsi Family Run e Urban Trail, ci sarà davvero da divertirsi e sarà un’occasione per contribuire insieme alla lotta contro la violenza sulle donne e sui minori, vi aspettiamo numerosi!

Non ci resta che congedarci con un caloroso abbraccio e… buona corsa a tutti Web Runners!

Vivere la Maratonina (episodi 3 e 4)

sarmede murales 2

La scorsa settimana ci siamo lasciati con il Rettilineo iniziale che fa scaricare tutti i nostri Cavalli.. se hai perso il primo articolo lo trovi qui: Vivere la Maratonina #1.

Dopo 600mt di briglia sciolta ecco che l’ingresso, a sinistra, in Via Carducci introduce un breve tratto cittadino con qualche curva un po’ nervosa (anche se sarete in pieno centro, non fermatevi a guardare le vetrine per il momento, avrete tempo dopo ?).

Un tratto utilissimo per svegliare il motore, mettere subito alla prova tutti i sensi ed avere subito la prova di aver allacciato correttamente le scarpe.

Il percorso poi si apre di nuovo, si spinge verso sud est e lungo la larghissima e diritta ??? ???????? ???????? che lancia i Runners lungo il tratto più veloce della gara (???) fino ai piedi di Cappella Maggiore.

Proseguiamo… ?‍♀️?‍♂️?‍♀️?‍♂️

Uscendo da Vittorio Veneto si corre costeggiando l’anfiteatro delle prealpi venete, ed alzando lo sguardo a sx si ammirano il ??? ???????? 1763msl e alla sua destra il ????? ??????, che è un po’ il guardiano della gara, ripara gli atleti dalle correnti fredde dell’Alpago a nord. ???

La zona collinare, un tempo puntellata di numerosi castelli difensivi è molto suggestiva e a marzo si prepara a rinnovare il proprio manto verde. ??

Prima di raggiungere ???????? ????????, intorno al 5°km lungo il percorso, potrete vedere il suo “Castelletto”, oggi sapientemente ristrutturato di origini medievali. Eretto intorno al V sec. a seguito delle continue invasioni di barbari ed altre popolazioni, insieme ad altre fortezze come il Castello di Re Matrucco, posto sopra il santuario di Santa Augusta ed il Castrum Theodorici. Da lassù, si gode di una splendida vista su tutta la piana vittoriese e sul territorio attraversato dalla maratonina.

Proseguiamo prendendo un respiro profondo in un tratto di leggera discesa!..

Terminato quel momento di tranquillità si affronta l’unica salita della gara: 200 metri di Via Roma che portano in centro a Cappella Maggiore.
Grazie all’entusiasmo del pubblico, il fascino del viale alberato e il ristoro successivo (a solo un paio di km!) supereremo con grande facilità questo piccolo tratto, anche perché siamo ancora nel primo terzo di gara!

Attraverso strade molto tranquille, tra borghi e qualche lingua di pedemontana che si affaccia a valle, si arriva a Sarmede, il paese delle fiabe.

Un esperimento nato dal pensiero dell’illustratore di ?????? ??????, che ha fatto di un piccolo paese una finestra sul mondo dell’illustrazione e della narrativa per l’infanzia, con una mostra, “Le immagini della fantasia“, che ha più di 30 anni, attorno a cui ruotano convegni, corsi, laboratori creativi per bambini e una scuola internazionale d’illustrazione.

La mostra si tiene ogni anno da ottobre a gennaio, ma rivivrete quelle atmosfere in una particolare tradizione fondata da Stepan Zavrel: quella dei dipinti murali. Sono molti, colorati e suggestivi, in tutte le vie del paese e anche lungo il percorso.

Per oggi ci lasciamo qui, a goderci le immagini di questo mondo fiabesco, che ci aiuteranno a sentire meno la fatica ??


Seguiteci qui e sulla nostra pagina Facebook per continuare a scoprire le meraviglie della Maratonina della Vittoria!..

Il Sesso e la Corsa

il-sesso-e-la-corsa

Il Sesso e la Corsa, Istruzioni per l’uso.

Carissime e carissimi Web Runners, oggi mettiamo da parte la timidezza e parliamo di… sesso!

Vi è mai capitato che il vostro o la vostra partner vi chiedesse “andiamo a fare sesso?” e la vostra risposta sia stata immancabilmente “certo, di corsa!!”? ecco… siete già arrivati al punto!

A parte queste facili quanto inevitabili battute, dato l’argomento, oggi andiamo a capire quali sono le implicazioni della corsa nell’attività sub-ombelicale e viceversa.

Partiamo con il tranquillizzare tutti: abbinare sesso e corsa fa bene e, purché le due cose non siano fatte contemporaneamente, non ci sono controindicazioni, anzi sono entrambe attività decisamente consigliabili.

Il running migliora l’efficienza del sistema cardio-circolatorio, quindi ottimizza il flusso sanguigno e rischia di risolvere anche qualche problemino di “presenza scenica”.

Come già visto negli articoli precedenti, l’allenamento costante aiuta a prevenire malattie come il diabete e l’obesità, nemici dichiarati delle prestazioni sessuali. Una sana forma fisica, inutile dirlo, contribuisce a renderci più belli e desiderabili e quindi di certo non guasta anche nella pratica amorosa.

La chiave di questo meraviglioso connubio si chiama Endorfina, e spalanca molte porte.

Il rilascio da parte dell’ipofisi di questo miracoloso neurotrasmettitore, a cui la medicina associa proprietà combinate simili a quelle della morfina e dell’oppio, è il risultato naturale di un allenamento ben eseguito.

Quella sensazione di benessere e di piacere che abbiamo al termine di una buona corsa, è dovuta proprio a questa sostanza che, guarda caso, porta anche ad un sensibile aumento del desiderio sessuale.

Ma che dire allora del sesso pre-gara?

Come disse Mosè, qui le acque si dividono!

Per le donne avere rapporti sessuali prima di una gara è assolutamente consigliabile, perché aumenta i livelli di testosterone, ma per i maschietti le cose cambiano: al termine di un’attività sessuale completa la quantità di testosterone nel corpo diminuisce per circa 6 ore, quindi le performance di gara possono effettivamente risentirne.

La soluzione? Organizzare opportunamente tempi e modalità! Semaforo verde per tutti i rapporti nel giorno che precede la gara e, al mattino successivo, via libera solo al gentil sesso! Per quanto riguarda le modalità non entreremo troppo nello specifico in questa sede, siamo certi abbiate risorse sufficienti per, come dire… venirne a capo.

Al di là delle implicazioni di natura strettamente bio-chimica entrambe le attività, se fatte bene, portano ad un miglioramento dell’umore e dell’ascolto del nostro corpo, quindi non possono che generare un circolo virtuoso a beneficio sia delle performance sportive che della qualità della vita, sesso compreso.

In conclusione, che dire… Web Runners di tutto il mondo, diamoci da fare e che la forza sia con noi! (cit.)

Buona giornata e buona corsa a tutti!

Vivere la Maratonina (episodi 1 e 2)

sesta maratonina della vittoria a vittorio veneto

Il racconto del Percorso della Maratonina della Vittoria

Ciao Web Runners!

Visto che il nostro territorio è incredibilmente speciale e il percorso della 7a Maratonina della Vittoria – 15 Marzo 2020 genera molta curiosità, quest’anno abbiamo deciso di raccontarvelo in un modo un po’ particolare…

Cercheremo di farvi vedere con i nostri occhi la bellezza delle strade in cui correremo, perché per noi non si tratta solamente di una Gara, ma è molto di più. La Maratonina della Vittoria cresce di anno in anno, diventando sempre più importante.

È una manifestazione che cerca di valorizzare il Territorio, lo Sport e l’impegno per il Sociale attraverso moltissime iniziative: alcune le portiamo avanti da sempre, altre sono obiettivi per il futuro su cui stiamo lavorando e cui ci avviciniamo di anno in anno.

Per esempio: voi lo sapete che tutto il ristoro della Maratonina è Plastic Free? Ebbene sì, grazie al supporto di Attività locali quali la SAVNO riusciamo a svolgere l’intera manifestazione senza utilizzare Plastica.

Inoltre l’evento è associato alla campagna di Ecosostenibilità IO NON GETTO I MIEI RIFIUTI. La conoscete?

È una campagna promossa da Spirito Trail, avviata nel lontano 2013, che punta a sensibilizzare Atleti, Runners e Trailers per non gettare a terra i rifiuti durante le competizioni. Eroica 15-18 sostiente la campagna dal 2017, anno in cui questo nostro contenitore di eventi sportivi è stato fondato.

Ma torniamo al nostro Percorso..

Percorso maratonina della vittoria 2019

Il percorso della Maratonina della Vittoria si snoda tra i comuni di ???????? ??????, ???????? ???????? e ???????. Ai piedi delle prealpi venete e tra le colline del prosecco.

Il tracciato è un anello completamente chiuso al traffico e il percorso è interamente asfaltato, tranne 800 mt di sterrato, opportunamente livellato con nuovo materiale e compattato il giorno prima della gara.

La 7a Maratonina della Vittoria – 15 Marzo 2020 parte dalla centralissima Piazza del Popolo di Vittorio Veneto, davanti al Monumento ai Caduti di Augusto Murer.

monumento ai caduti vittorio veneto

CURIOSITÀ:

Eretto nel 1968, il monumento è composto da più corpi in cemento articolati sulla pavimentazione della piazza. Ciascuno di essi presenta opere scultoree in ferro battuto. Si tratta di rappresentazioni allegoriche con figure umane dotate di forte carica espressiva: soldati all’assalto, uomini legati, martoriati, figure femminili in fuga: il movimento dell’Uomo sulla Terra. Solo un elemento, posto verticalmente tra gli altri che hanno andamento orizzontale, è in pietra, raffigura una madre con un bambino e richiama la dimensione simbolica del materno, visto come accudimento e conforto in contrapposizione al ritmo fortemente drammatico, concitato e violento dell’intera composizione.

Il rettilineo di partenza permette subito di scaricare a terra tutti cavalli, la corsia è ampia e ogni runner può lasciare a briglia sciolta tutta la propria passione e voglia di correre.

Curiosi di saperne di più?!.. Ogni settimana vi raccontiamo un estratto del percorso e alcune curiosità storiche e locali, non perdetevi le prossime uscite sulla nostra Pagina Facebook e continuate a seguire il nostro Blog per il racconto completo mensile!..

Corsa all’aperto o Tapis Roulant?

corsa-su-strada-o-tapis-roulant

Buongiorno Web Runners!

Nell’articolo di oggi metteremo a confronto la corsa all’aperto e la corsa indoor.

Per farlo parleremo di Tappeti, Tapis roulant e Treadmill! La differenza? Nessuna, sono solo tre modi diversi di descrivere lo stesso attrezzo, evitando ripetizioni cacofoniche. E direi che con questo abbiamo già detto tutto….

Quali sono quindi i vantaggi e gli svantaggi dei due tipi di allenamento, e chi vincerà la sfida finale?

In realtà vi anticipiamo che non abbiamo decretato un vincitore definitivo e assoluto, perché entrambe le scelte hanno degli aspetti positivi ed interessanti, e la decisione su chi meriti il primo posto è decisamente personale, quindi la rimettiamo ad ognuno di voi.

Per confrontare meglio le due modalità di allenamento, suddividiamo le nostri considerazioni in piani diversi:

  • Fisiologico;
  • Mentale;
  • Performance;
  • Fruizione.

Piano FISIOLOGICO

La corsa su strada è decisamente più impegnativa, perché meno regolare e prevedibile.

All’aperto la superficie di appoggio è incostante, corriamo su asfalto, cemento, sterrato, o su una combinazione di due o più di questi terreni che sono caratterizzati da dossi e cunette e ci sono frequenti interazioni con elementi esterni, come marciapiedi, alberi e ovviamente persone.

In questo caso, però, il movimento è totalmente naturale mentre nella corsa indoor non è esattamente così: nel momento in cui l’avampiede dovrebbe spingere in avanti il corpo, lo scorrimento del tappeto porta il piede indietro facendo aumentare il carico sul quadricipite della gamba che va ad appoggiare e stimolando il lavoro del muscolo tibiale.

Un altro elemento da considerare è che nella corsa all’aperto la velocità e la pendenza non sono riferimenti “pre-impostati” quindi la regolarità dei movimenti è gestita in maniera istintiva o controllata attivamente attraverso l’ascolto del corpo.

Un consiglio al volo: se decidiamo di utilizzare il tapis roulant, impostiamo la pendenza a “1” per ricreare lo sforzo del corpo alla resistenza aerodinamica.

Piano MENTALE

La corsa su treadmill è generalmente meno coinvolgente, meno stimolante e quindi più noiosa, anche se i moderni tappeti sono dotati di monitor e connessioni digitali, quindi ci danno la possibilità di fruire di alcuni tipi di distrazione che nella corsa su strada per ovvi motivi non abbiamo (guardare un video, impegnarci in un gioco, ecc.).

Se il nostro allenamento, come spesso accade, ha anche una funzione di “de-stressing”, la corsa all’aperto è decisamente preferibile, ma solo se l’ambiente in cui corriamo ci permette di non dover gestire situazioni o stimoli esterni di pericolo o di eccessiva attenzione, come automobili, intralci o cambi di andatura forzati.

Miglioramento delle PERFORMANCE

Possiamo considerare i due tipi di allenamento come complementari, perché ci permettono di lavorare in ambiti diversi.

Il treadmill ci permette di creare facilmente allenamenti strutturati e combinati, gestire carichi di lavoro e velocità attraverso la scelta di percorsi e sequenze di allenamento personalizzate. Si può scegliere di impostare a priori un piano di esercizio combinando velocità/pendenza/durata oppure gestire la combinazione di queste tre variabili usando come riferimento la frequenza cardiaca, con app dedicate. In questo modo possiamo raggiungere molti dei nostri obiettivi, dalla perdita di peso fino alla preparazione di una maratona.

La corsa all’aperto è invece decisamente preferibile per allenarsi sulle lunghe distanze, sulla gestione degli stimoli ambientali, sull’ascolto del corpo e per migliorare la propriocettività (a questo tema, che merita una discussione più ampia e approfondita, dedicheremo a breve un articolo specifico).

Piano della FRUIBILITÀ

Verrebbe naturale pensare che la corsa all’aperto sia più pratica, ma in realtà dobbiamo considerare le variabili metereologiche, le caratteristiche urbane del posto in cui viviamo, e i nostri obiettivi di allenamento.

Per correre all’aperto durante la bella stagione, o quando il tempo è abbastanza clemente è vero, basta mettere una maglietta, un paio di pantaloncini e le scarpe e si può già andare; la questione cambia d’inverno o in piena estate, e genericamente quando le condizioni atmosferiche sono più difficili, quando piove a dirotto, c’è vento, o temperature estreme. In questi casi è richiesta una grande forza di volontà e un’attenzione particolare al tipo di abbigliamento che si utilizza.

Parlando dell’aspetto urbano, se abitiamo in città molto trafficate e vogliamo correre all’aperto dobbiamo per forza trovare una location adatta per allenarci serenamente, ad esempio un parco o un quartiere periferico, mentre in palestra questo problema non si pone. Ovviamente questo vantaggio viene meno se la palestra non è esattamente sotto casa, o se negli orari in cui possiamo allenarci c’è un eccessivo afflusso di persone.

Per quanto riguarda le nostre aspettative di allenamento, come già detto, vanno bene entrambe le alternative per raggiungere obiettivi diversi, ma la soluzione migliore è probabilmente quella di combinarle.

Sempre nell’ambito della fruibilità, un altro aspetto da considerare è quello relativo al rischio di infortuni e all’”invasività” degli allenamenti. Il piano di appoggio del tapis roulant è molto più ammortizzato rispetto alle superfici esterne, quindi riduce sensibilmente la sollecitazione delle articolazioni a vantaggio dei runner meno giovani, di chi non gode di una forma fisica perfetta, o di chi si approccia alla corsa dopo molto tempo di inattività.

In linea generale, pur essendo noi spudorati fan della corsa all’aperto, non possiamo non ammettere che il treadmill sia uno strumento utile ed efficace per allenarsi con obiettivi specifici o quando non è davvero possibile farlo all’esterno. Attenzione però a non utilizzarlo come scusa per non uscire, ricordiamoci della famosa frase di Bill Bowerman: NON ESISTE QUALCOSA COME IL CATTIVO TEMPO, ESISTONO SOLO PERSONE PIGRE!

Carissime e carissimi Web Runners, vi lasciamo quindi con questa poetica massima:

“che sia all’aperto o sotto a un tetto, godetevi la corsa con pieno diletto, forse da soli o meglio in compagnia, ma… correte tanto, e così sia!”

A proposito… Vi siete iscritti alla Maratonina della Vittoria?

Se non l’avete ancora fatto, vi perdoniamo, ma non perdete altro tempo!! Iscrivetevi subito alla Settima Maratonina di Vittorio Veneto!

Corsa e diabete

corsa-e-diabete

Buongiorno Web Runners!

Anche se siamo un po’ fuori tempo, oggi parliamo di “dolcetto o scherzetto”, ovvero “quanto la corsa può influire nella salute di un runner diabetico”.

Come avrete intuito ci permettiamo di approcciare questo argomento molto serio e delicato in maniera decisamente informale, proprio per evitare che le nostre considerazioni siano scambiate per pareri medico-scientifici.

Giusto per capire qualcosa in più, l’Istituto Superiore di Sanità definisce il diabete come “una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue (iperglicemia) e dovuta a un’alterata quantità o funzione dell’insulina.”

Le persone affette da diabete devono quindi compensare questa disfunzione integrando insulina.

In sostanza, pensate al livello di glucosio come al barattolo di Nutella, e all’insulina come alla mano della mamma… tutto chiaro? Quando la mamma non c’è, il barattolo di Nutella finisce in un lampo, ma poi iniziano le conseguenze…

Durante la corsa (attività aerobica) i muscoli consumano più glucosio per produrre energia, e il nostro organismo si preoccupa di aumentarne la disponibilità. Questa variazione della presenza di zuccheri nel sangue induce il nostro corpo a gestire la produzione di insulina, proprio per bilanciarne i livelli.

Un’attività fisica controllata, corsa inclusa, contribuisce appunto ad allenare questo processo di auto regolazione, tanto da risultare a tutt’oggi la migliore guida per prevenire il diabete mellito, l’obesità e altre malattie cardio-metaboliche e soprattutto ridurre il rischio cardiovascolare.

Un runner diabetico deve prendere precise precauzioni prima di iniziare un allenamento o una maratona, per mantenere costante i livelli di glicemia durante l’attività. Ogni individuo ha peculiarità specifiche quindi per non incorrere in potenziali rischi è buona norma consultare il proprio diabetologo di fiducia e farsi consigliare.

Chiarito questo punto, è importante dire che nella maggior parte dei casi il diabete non impedisce assolutamente la pratica sportiva che, al contrario, diventa un’abitudine di vita importante e quasi imprescindibile.

A questo proposito, segnaliamo un sito che non ha bisogno di spiegazioni www.diabetenolimits.com in cui spiccano articoli che parlano di Ultra Trail, Triathlon e Ironman ma soprattutto di condivisione di esperienze personali.

Ci sono infatti moltissimi maratoneti che riescono a combinare perfettamente il diabete ad un’intensa attività sportiva, ed anzi traggono dalla loro condizione fisica uno spunto incredibile per raggiungere obiettivi atletici di assoluto rispetto.

Nell’ambito professionistico c’è un’accesa e tutt’ora aperta diatriba, nata dal fatto che l’insulina può essere considerata come sostanza dopante perché contribuisce, attraverso la riduzione del glucosio nel sangue, a modificare il metabolismo lipidico e la sintesi proteica.

Ovviamente il punto di vista degli atleti diabetici è che l’insulina sia una necessità di vita e non un mezzo per aumentare le performance di gara: se siete interessati a questo argomento specifico, vi rimandiamo ad un articolo molto interessante, curato dal Prof. Mario Vasta http://diabetenolimits.com/attivita/diabete-di-tipo-1-insulina-e-doping-facciamo-chiarezza/

Quindi, Web Runners! Se vi abbiamo beccati con le mani nel barattolo della marmellata, basta leccarsi i baffi e iniziamo a pensare alla prevenzione, a tutte le età!

Anzi, facciamo così… quanti vasetti di Nutella avete mangiato nel 2019?

Solo 2? O 6?! Oppure 20??! Bene, ora pagate pegno e preoccupatevi di iscrivere alla prossima Maratonina della Vittoria un gruppo pari di amici!

Fatelo direttamente qui: https://www.maratoninadellavittoria.it/evento/maratonina-della-vittoria/

e… occhio che abbiamo informatori anche nella vostra dispensa nascosta!!

A tutte le nostre dolcissime Web Runners, buona corsa! E ai maschietti…. carbone! ?

Sauna e Corsa: amici o nemici?

saune-e-corsa

Buongiorno Web Runners e Buon 2020 di corse da tutto lo staff di Eroica15-18!

La Befana ha portato via tutte le feste e ha decretato lo stop ai pantagruelici banchetti di fine anno, ma qualche ricordo rimane scolpito nel nostro corpo, che risulta meno scolpito di prima…

È inverno, e le uscite di allenamento sono davvero meravigliose in questa stagione: ammiriamo paesaggi imbiancati all’orizzonte, i nostri passi sfiorano indomiti la brina mattutina, sbuffiamo bianche nuvole di fiato come bisonti selvaggi, e talvolta capita di incrociare qualche pinguino che ci consiglia di passare al barefoot.

Si, ok, fa freddo… ma ci sono tanti modi per scaldarsi!

Uno di questi è sicuramente la sauna, pittoresca quanto ingegnosa pratica usata fin dal Medioevo in Scandinavia e diventata ben presto orgoglio nazionale finlandese. In cosa consiste lo sappiamo tutti, ma quali interazioni ha con la corsa? Fa bene? Fa male? Migliora le prestazioni o le peggiora?

Anzitutto capiamo cosa succede al nostro corpo durante i cosiddetti “bagni di sudore”.

La temperatura all’interno di una sauna finlandese va dagli 80 ai 100 gradi centigradi, e l’umidità è inferiore al 20%. In questa situazione ambientale il corpo lavora per evitare che la temperatura interna si alzi troppo, e lo fa sudando, come d’estate… ma di più. Aumenta la frequenza cardiaca, c’è vaso-dilatazione ed il sangue circola più velocemente.

La temperatura della pelle può salire fino ai 40-42 gradi (46° è la soglia del dolore), e la sensazione è paragonabile ad una febbre alta, quindi spossatezza, difficoltà di concentrazione, ma con la differenza che si può controllare, quindi da “malessere” si trasforma in “benessere”: possiamo rilassarci e goderci la sudata purificatrice finché decidiamo che è sufficiente.

Attraverso il sudore il corpo espelle tossine, acido lattico, acido urico, ecc. e l’aumentata frequenza cardiaca aiuta a bruciare calorie (fino a 250-300 in due sessioni di sauna da 15-20 min., pari ad un allenamento di media intensità), le fasce muscolari si distendono e la circolazione sanguigna stimola l’ossigenazione dei tessuti.

Un’importante precisazione: la sauna non deve essere considerata una pratica utile al dimagrimento perché il peso perso a causa del calore deriva dall’abbondante sudorazione ed è quindi composto al 99% da liquidi che vanno prontamente reintegrati.

Fatta questa doverosa premessa, torniamo a noi… sauna sì o sauna no?

Sauna decisamente sì, come abitudine continuativa dopo gli allenamenti e meglio ancora dopo una gara.

Il corpo affaticato recupera più velocemente, distendendo e ossigenando le fasce muscolari, fluidificando il sangue, mantenendo allenato il cuore, espellendo le tossine e rilassando la mente.

E se invece la sauna viene fatta prima di una gara?

Beh, in questo caso gli effetti possono essere inaspettati, e non sempre positivi.

Come sempre la vecchia regola di seguire solo le abitudini consolidate prima della gara è vincente, quindi se siete abituati a fare saune con regolarità e avete già testato gli effetti positivi negli allenamenti fatti successivamente, continuate così e buona gara.

Se invece state preparando una maratona in zone montane e scoprite che il vostro hotel ha una Spa molto invitante, ma non siete degli assidui frequentatori della sauna, evitate di improvvisarvi “finlandesi della sera prima”, perché potreste pagarne le conseguenze dopo pochi chilometri dalla partenza.

Riassumendo, il nostro consiglio è sicuramente quello di praticare la sauna, sia Finlandese che Biosauna (circa 50°C e 60-70% di umidità), soprattutto nei mesi freddi. Non dimenticate che comunque durante la sauna esponete il vostro corpo ad una situazione intensa, quindi ci sono delle controindicazioni da considerare. Ad esempio, se siete cardiopatici o soggetti a bassa pressione, oppure durante il periodo mestruale o se siete in dolce attesa, è decisamente opportuno evitarla.

Per riuscire a divertirsi e godersi a pieno il piacere di qualsiasi pratica fisica è sempre importante ascoltarsi, conoscere ed avere consapevolezza del proprio corpo e della propria condizione fisica, e in caso di dubbi consultare chi ne sa più di noi.

Un’ultima precisazione per i non finlandesi: oltre alle buone abitudini di attendere almeno 15 minuti tra l’allenamento e la sauna, di farsi una doccia tiepida prima di entrare e una fredda appena usciti, e di reintegrare subito i liquidi persi, ci sono anche 3 regole di comportamento molto importanti da seguire.

Regola nr.1: la sauna è un luogo di rilassamento, rispettate il silenzio e ascoltatevi.

Regola nr.2: usate un telo di cotone per coprire la panca dove vi sedete, nessuna parte del vostro corpo deve essere a contatto con il legno, piedi compresi. Fatelo sempre e verrete imitati da chi ancora non lo fa.

Regola nr.3: la sauna è un luogo di rilassamento, rispettate il silenzio e ascoltatevi. (la ripetizione non è un errore)

Quindi, carissime e carissimi Web Runner, che siate sanguigni e generosi Mediterranei, o biondi e cornuti Vichinghi (in senso figurato), da tutto lo staff di Eroica15-18 buona corsa e buone sudate!

Correre da soli o in gruppo? Il bello dei running club!

runnning-club

Buongiorno Web Runners!

Oggi con voi vorremmo fare un esperimento di suggestione…

Ora, chiudete gli occhi e… No, non proprio subito, prima finite di leggere l’articolo altrimenti non capite!

Dicevamo: chiudete gli occhi, immaginate di correre in un percorso sterrato, pianeggiante… è estate, ma non fa troppo caldo e una lieve brezza vi accarezza le spalle. Di fronte a voi si apre un paesaggio collinare, prati, campi fioriti, il cielo azzurro… e sentite un profumo delicato di fiori, intervallato da lievi note legnose, le vostre gambe vanno, vanno, senza fatica, siete da soli immersi in una pace innaturale e ad un certo punto…

Hey hey, stop… stooooopp! Era solo un sogno! Certo, paesaggi così esistono davvero e se siete fortunati avrete avuto il piacere di provare questa magnifica sensazione, ma la vita reale è un po’ diversa, talvolta è molto, molto diversa.

Correre in solitaria ha un suo innegabile fascino: ascoltare la musica, scegliere l’andatura che vogliamo, decidere in autonomia quando partire e quando fermarsi, cogliere al volo quei momenti della giornata in cui è saltato un appuntamento o in cui finalmente riusciamo a dedicare un’ora tutta per noi.

Nessun runner che possa definirsi tale potrà o vorrà mai rinunciare a questo piacere, ma diciamocelo… correre in compagnia è un’altra cosa!

La buona notizia è che le due pratiche non sono come i fiammiferi e la dinamite, o l’aceto e il tiramisù, ovvero si possono combinare senza particolari controindicazioni.

La corsa di gruppo è un’attività che ha un sapore molto ricco, perché combina motivazione, condivisione, sfida e, soprattutto, divertimento. Certo non è così sempre e con tutti i gruppi: perché questo succeda, prima bisogna trovare una sintonia comune, persone che hanno il nostro stesso ritmo di corsa e obiettivi simili, orari di allenamento validi per tutti, e magari un leader coinvolgente e competente che tenga le fila del gregge.

Bene, abbiamo appena descritto un Running Club!

Che voi abitiate a Timbuctù o a Matchu Picchu, che siate divanoidi da gara o Iron Man, maniaci della tartaruga scolpita o della trippa al parmigiano, beh chiunque e ovunque voi siate sappiate che vicino a voi c’è un Running Club che vi aspetta.

Ma cos’è questo fantomatico “Running Club”??!

Di solito tutto parte da un gruppo ristretto di persone, 3 o 4 al massimo, che hanno già una certa esperienza di allenamento e decidono di condividerla insieme. Poi si aggiunge il cognato che lo scorso anno ha corso la Maratona cittadina in 3 ore e 10’ (mica male), poi Giacomo del Bar Sport, che nonostante ami dispensare e consumare aperitivi non rinuncia a mantenersi in forma (da cui il nome del bar), e via di seguito.

Insomma, di solito lo zoccolo duro si forma senza che dietro ci sia già un progetto associativo, ma poi il passaggio è naturale, la voglia di condividere questa passione aumenta e le persone continuano ad avvicinarsi, si formano piccoli gruppi di vari livelli e contemporaneamente iniziano gli allenamenti più strutturati. Tra i soci fondatori e i nuovi iscritti si individuano le persone di riferimento tecnico/sportivo, gli allenatori, gli organizzatori, i contatti logistici, eccetera eccetera fino a trovarsi un giorno ad organizzare una Maratona e ad avere un seguito di migliaia di persone.

Certo, non succede dall’oggi al domani, e nel percorso gli ostacoli che si incontrano sono tantissimi e spesso molto fantasiosi, ma alla fine il risultato è mettere insieme le persone e questo davvero non ha prezzo.

Romanticismo a parte, correre in gruppo e nella fattispecie associarsi ad un Running Club, ha dei vantaggi reali e tangibili sia per quanto riguarda la qualità degli allenamenti che per il piacere prettamente ludico di stare in compagnia.

Ogni Associazione accoglie diversi gruppi di training, suddivisi sia per fasce orarie che per intensità e obiettivi di allenamento.

Di solito iscrivendosi ad un Running Club si punta alla preparazione atletica per qualche evento podistico, una Maratona o una Mezza, ma ci sono gruppi che nascono semplicemente per condividere il momento dell’uscita serale, con il vantaggio che alle spalle ci sono atleti o ex atleti in grado di guidare l’allenamento con le tecniche e le modalità spesso non “intuitive” della buona pratica sportiva.

Se vuoi conoscere uno dei nostri gruppi di allenamento serali, leggi l’intervista fatta Deborah De Nardi delle #mammedicorsa!

Vi è mai venuta voglia, la sera, guardando qualche pista di atletica illuminata, di mettervi le scarpe a andare a fare un giro? Provare la sensazione del tartan sotto i piedi, e il respiro epico degli atleti olimpionici che hanno battuto record incredibili? Ecco… a quest’ultimo punto ci arriverete con calma, ma per il momento fate la cosa giusta: cercate su Google “running club”, poi il nome della vostra città e siamo certi che qualcosa salterà fuori.

A quel punto sarete già un po’ più vicini al vostro allenamento di gruppo… il resto, fatelo voi! ?

Se siete di zona a Vittorio Veneto, vi suggeriamo la mitica Scuola di Maratona!

Date un’occhiata al sito www.scuoladimaratona.it per scoprire di più e, se proprio non siete ancora convinti, fate una prova gratuita di allenamento. Fate solamente attenzione a due cose:

  • è un gruppo adatto a tutta la famiglia, bambini compresi
  • e… attenzione, può creare dipendenza!

Cari, ma soprattutto care Web Runners, che siate da soli o in gruppo, immersi in un paesaggio collinare estivo o a sfidare voi stessi in una pista di atletica sotto la pioggia battente, sappiate che vi vogliamo bene e siamo sempre con voi, quindi…. Buona Corsa a tutti!

P.S.: E’ pressocché impossibile, ma se proprio non trovate nessun Running Club nella vostra zona, o se volete informazioni più specifiche sulle Associazioni già presenti nel territorio, mandateci i vostri feedback e vi risponderemo di corsa! ?