Be Your Hero: l’Eroe dentro di te

#BeyourHero
Perché correre ti fa sentire un Eroe? Perchè la corsa riesce sempre a metterti di buon’umore?
Ci sono momenti della giornata che tutto ci sembra difficile, sembra che il mondo ci si rivolti contro. Ma poi basta un attimo, alzi lo sguardo, senti quel profumo di erba appena tagliata in un’aiuola e ti viene subito in mente la tua ultima corsa tra boschi e prati.

Ti ricordi perfettamente anche tutti i momenti di preparazione: le stringhe della scarpa destra un po’ meno strette, controlli la suola, chiudi la macchina, spegni ogni pensiero quotidiano e diventi il tuo eroe.

Non ha importanza cosa segna il cronometro, qual’è il tuo ritmo al chilometro: cosa centra il tempo con questi attimi di infinita libertà dal mondo? Niente cellulare, niente capo ufficio, nulla, se non il cuore che inizia a battere forte, le gambe che iniziano a scaldarsi e d’un tratto ti immergi nel tuo sogno.

Correre, è proprio vero, regala il sogno, il sogno di staccarsi dalla fisicità, dal terreno e offre il dono del volo, della leggerezza, di librarsi sopra ogni ostacolo. In quei momenti non sei da solo, sei con il tuo Eroe, che poi sei sempre tu, lo sai, ma ti vedi e ti senti in un corpo totalmente nuovo. Ma si, senti il ginocchio che scricchiola, il fiato lungo, la fatica che scava nei muscoli, ma in fin dei conti più senti la fatica e più immagini di andar sempre più veloce. E alla fine scopri che hai fatto il record sul tuo giro intorno al parco, oppure che sei arrivato in cima a quella tremenda salita senza mai camminare.

Corri con noi l’Eroica15-18, che sia la Maratona lungo i percorsi della Memoria, dove Uomini dagli antichi Valori hanno gettato il loro Cuore oltre ogni ostacolo per proteggere la propria Terra, oppure la Maratonina con il suo percorso veloce e filante, porta il tuo Eroe e libera i tuoi sogni #BeyourHero.

Corri con noi ti aspettiamo in formissima a Vittorio Veneto il prossimo 18 marzo 2018!

Iscriviti alla nostra Newsletter per essere sempre aggiornato su tutti gli eventi di Eroica15-18!

[contact-form-7 id=”2895″ title=”Newsletter”]

Be Strong: la corsa per sentirsi meglio

La Corsa non è solo uno sport, è un modo per sentirsi meglio, affrontare le difficoltà con spirito combattente e godere di più delle gioie della vita.

Le persone che corrono, o meglio che amano la corsa, le riconosci subito: si infilano le scarpe ad ogni occasione e anche se vanno in ferie metà valigia è occupata dai cambi per la corsa. E’ uno sport che ti entra dentro, ma non in quanto sport, bensì come lavoro su te stesso, come dimensione tutta tua, come universo parallelo.corsa_maratona_eroica15-18_vittorio-veneto_be-strong_forte_18-marzo-2018

La Corsa è un capitolo della propria molto particolare, intimo: correre significa imparare a conoscersi, a capirsi meglio, a sorpassare i propri limiti. La Corsa ti aiuta ad andare oltre le tue paure, i tuoi limiti.

Ma perchè la corsa è così misteriosa prima, tanto quanto affascinante poi? Perché non è facile, correre. Devi imparare a correre. Devi imparare ad ascoltare il tuo corpo, a capirlo. Ci vuole concentrazione, determinazione, costanza. E più risultati ottieni, meglio riesci ad affrontare le tue personali sfide quotidiane. E’ un pò come se la performance che ottieni correndo tu riesca ad ottenerla, a piccole dosi, nella vita. Più sei costante nella corsa, più la costanza fa parte di te come persona; più sei determinato nell’ottenere risultati migliori, più sarai determinato anche nel lavoro e nella vita.

“Proprio nello sforzo enorme e coraggioso di vincere la fatica riusciamo a provare, almeno per un istante, la sensazione autentica di vivere. Raggiungiamo la consapevolezza che la qualità del vivere non si trova in valori misurabili in voti, numeri e gradi, ma è insita nell’azione stessa, vi scorre dentro.” Haruki Murakami ” L’Arte di correre”

Correre non è solo uno sport, è uno stile di vita. E’ un diamante che aumenta di carati ad ogni chilometro percorso; ad ogni metro vissuto dalle tue articolazioni, dal tuo cuore, dal tuo spirito; ad ogni passo messo in fila dalla partenz al traguardo.eroica15-18_marathon_the-joy-of-running_vittorio-veneto_18-marzo-2018_corsa_correre_quotes

Eroica15-18 con i suoi eventi principali, Eroica15-18 Marathon e la 5^ Maratonina della Vittoria, nasce anche per celebrare la Corsa.  Eroica15-18 è sinonimo e sintesi di un periodo di vita e di storia celebratasi a Vittorio Veneto e nel territorio trevigiano e bellunese negli ultimi atti della grande guerra. Dal Piave in su verso l’Austria, ogni via, ogni casa porta con sé la memoria di vicende tragiche, ma senza le quali ora probabilmente parleremmo un’altra lingua.

Eroica15-18 incarna quello spirito combattente che in modo naturale si riversa poi nella Corsa, nel coraggio di non stare fermi. Cento anni fa lo spirito di ricostruire, case, famiglie e città, mentre oggi c’è la voglia di rinnovare la propria forza, il proprio benessere, recuperare una libertà di movimento che la corsa regala se sei disposto a dedicarci impegno, fatica e sudore.

Perchè Eroica15-18? Perché il percorso non è facile, non è piatto e come la vita, ma anche la corsa, non è monotono, è vero, ti chiede impegno ma poi ti ripaga con panorami, laghi, borghi medievali, il traguardo e la vittoria: la vittoria sui tuoi limiti, che gara dopo gara sposti sempre più avanti. Vieni a correre con noi: il prossimo 18 Marzo 2018 Vittorio Veneto sarà la Città della Corsa!

Non perderti le nostre news : registrati alla nostra Newsletter compilando questo semplice form : 

[contact-form-7 id=”2895″ title=”Newsletter”]

Racconta la tua Storia

Qual’è la tua storia di Runner ? Sei un Runner Guerriero ? Cosa ti ispira quando corri?

Nella corsa gli ultimi non sono certo meno degni dei primi. Anzi, per certi aspetti lo sono anche di più. Arrivano fino in fondo correndo molte ore in più di quelli che sono in testa. Arrivano fino in fondo anche se sanno fin dall’inizio che non avranno mai una medaglia al collo.
Marco Olmo

Ogni corsa, allenamento, gara, sfida è un avvenimento ricco di particolari, sensazioni, emozioni, a volte anche dolore, a volte soddisfazioni.

young_runner_eroica15-18-marathon_vittorio-veneto_18-marzo-2018

Ricorderò sempre la sensazione di smarrimento quando vidi la partenza ai miei primi campionati italiani di campestre avevo 16 anni, e mi ritrovai chiuso in una gabbia di legno insieme agli altri ragazzi della mia squadra con a fianco altri 180 partecipanti: non avevo mai visto una partenza così larga…quanto spazio intorno a noi, da togliere il fiato!

Il bello è arrivato allo sparo d’inizio: quando il terreno sotto i nostri piedi ha iniziato a tremare all’incalzare di quasi duecento ragazzi che cercavano di guadagnare  il punto migliore per affrontare a tutta la prima curva. E ognuno voleva arrivarci per primo!

Spazio, velocità e un rumore, un tumulto assordante di gambe che scaricavano a terra tutta la loro potenza.

Come non scorderò mai l’immensa soddisfazione al traguardo della mia prima Maratona, con il mio piccolo figlio di poco più di un anno, mentre applaudiva uno stanchissimo e mal conciato papà, che nonostante partecipasse ad una Maratona di provincia, provava emozioni e soddisfazioni così grandi come fosse stato a New York.

Invece qual è la tua Storia di Corsa? Runner_eroica15-18_vittorio-veneto_marathon

Raccontaci le tue avventure, le tue emozioni e le tue partecipazioni insieme agli amici o in completa solitaria.

Raccontaci di quell’allenamento magico, che ti ha sorpreso, dove magari hai superato limiti che non avresti mai pensato di raggiungere.Oppure raccontaci cosa rappresenta per te la Corsa, qual è la tua filosofia di Running e come la vivi.

I tuoi racconti sono tesori preziosi per tutti gli amanti del Running, che sia in una pista, in una campestre o nella Maratona.

La tua Storia di Corsa è importantissima per noi di Eroica15-18: raccontala utilizzando l’hashtag #raccontalatuastoria, scrivici una mail a info@maratoninadellavittoria.it, oppure condividila sulla nostra pagina Facebook.

Le più belle verranno pubblicate sul nostro Blog!

#raccontalatuastoria

Iscriviti alla nostra Newsletter per restare aggiornato su tutti gli eventi!

[contact-form-7 id=”2895″ title=”Newsletter”]

Be An Hero: Donna e Maratona!

#BeanHero Donna e Maratona: Roberta Gibb Boston 1966
Cosa vuoi fare? No, scusa, spiegami bene, correre? E che c’è di strano? Infilati un paio di leggings esci e vai a correre, perchè ti lamenti donna!

“No, non hai capito : IO VOGLIO CORRERE LA MARATONA!”

Ti consideravano troppo debole, si diceva infatti che una donna è incapace di sopportare uno sforzo così prolungato. Ma non ti sei mai arresa a quei luoghi comuni. Oramai avevi trovato il modo di allenarti senza farti vedere tanto: ti immergevi nei boschi intorno a Boston e liberavi gambe e cuore in uno dei modi più belli e antichi di esprimere se stessi, correre liberi in natura. E ti sentivi una donna diversa, più ricca dentro, più forte.

Ma la Maratona è La Sfida, quell’impresa che va oltre ogni sogno di runner anche tra i maschietti, figurarsi per una donna. Infatti quel richiamo è troppo forte per essere ignorato. Quel miraggio, misterioso e ben poco esplorato rinchiuso in 26.2 miglia non si sfuma, anzi. E il tuo coraggio diventa ancora più forte di fronte al rifiuto da parte degli organizzatori della Boston Marathon, quando ti hanno risposto che la competizione era aperta solo agli atleti maschi.

“Erano tempi allucinanti ma anche stimolanti, la guerra in Vietnam, Kennedy assassinato, i diritti civili calpestati e difesi. Ma di donne niente, nessuno ne parlava. Eravamo esseri umani di seconda mano” Roberta Gibb

Così hai preso un autobus e da San Diego, dopo 4 giorni di viaggio sei arrivata a Boston. TI sei attaccata al viso una barba finta, ti sei nascosta tra i cespugli e donna_maratona_volti-eroica15-18_the-joy-of-running_marathon_vittorio-veneto… …. …. poi Via!

E nonostante corressi con le scarpe di tuo fratello, hai superato la Heart Break Hill e con crampi e piedi sanguinanti sei arrivata all’arrivo in 3:21’.

Hai aperto una nuova Via e hai corso per molto di più che raggiungere un traguardo personale, hai corso per cambiare il modo di pensare della gente, anche di molte donne. In quel momento in America, la maggior parte delle donne, in America come altrove, aspettava, secondo te, che qualcuno le sposasse, non di trovare un occupazione e l’autonomia personale. Nel ’65 eri già in grado di  correre per 40 miglia senza mai fermarti. E ti chiedevi: “Perché mai non considerano le possibilità fisiche di una donna?”. Hai iniziato la tua rivoluzione chiedendo di partecipare alla Maratona di Boston. Ma ll direttore di gara, ti rispose con disprezzo affermando che una donna non saebbe mai stata capace di sopportare mentalmente 26 miglia. E poi si appellò alle regole, al regolamenteo di allora che impediva ad ogni donna di partecipare.

Tu invece hai pensato che quella fosse una ragione in più per cambiarle queste dannate regole. E così fu: nonostante tutto e tutti, sei partita e hai vinto la sfida, hai realizzato il Sogno.

 

Registrati alla nostra Newsletter per restare aggiornato su tutti gli eventi di Eroica15-18!

[contact-form-7 id=”2895″ title=”Newsletter”]