Le 5 Sinfonie di Daniele Cesconetto

daniele-cesconetto_eroica15-18_le-5-sinfonie_vittorio-veneto_18-marzo-2018

Nell’articolo precedente parlavamo dell’Arte di Daniele Cesconetto: Correre è Arte con la A Maiuscola. Correre solo per i record, i titoli e le vittorie è un passaggio innato in ogni atleta. La ricerca della miglior performance, del superamento dei propri limiti legati al gesto sportivo è benzina dall’altissima capacità di combustione. È linfa vitale per ogni atleta.

Ma con il tempo, nelle persone speciali, si trasforma in qualcos’altro, in attenzione per il prossimo, in generosità nei confronti degli altri. Perché non c’è niente di più bello di scoprire quanto puoi ricevere se prima di chiedere inizi a donare.

Anche per questi motivi e per la sua infinita passione per la corsa, Daniele Cesconetto ha deciso di partecipare alla Eroica15-18 Marathon a modo suo: donando Energia, concretezza, Valori! Se c’è da correre per solidarietà, lui non manca mai.

Dal detentore del record del mondo di martone corse consecutivamente [60×60], la sua partecipazione non poteva limitarsi ad una presenza qualsiasi. Infatti dal 14 fino al 18 marzo 2018, Daniele correrà ogni giorno l’Eroica15-18 Marathon lungo il percorso ufficiale, da Vittorio Veneto, attraverso la vallata dei Laghi d Revine, sulla Salita degli Eroi.

Correrà 5 Maratone consecutive in 5 giorni.

Le ha ribattezzate Sinfonie perché, prima di tutto rappresenteranno una sfida non semplice nemmeno per un Campione come Daniele. Il percorso collinare con i suoi 600 metri di dislivello è affasciante, ma anche particolarmente impegnativo. Poi perché ad ogni Maratona verrà abbinata una Donazione ad un’Associazione Onlus e non ultimo perchè ognuna sarà una vera e propria opera d’Arte.sinergy-med_daniele-cesconetto_eroica15-18_le-5-sinfonie_vittorio-veneto_18-marzo-2018

Le 5 Sinfonie dal mercoledì pomeriggio alla domenica mattina:

  • L’Eroica 14 “Preludio dalla Carmen di Georges Bizet: Mercoledì 14 Marzo partenza alle ore 14:30
  • L’Eroica 15 “Ouverture dalle “Le nozze di Figaro”  di W.A. Mozart e il librettista vittoriese Lorenzo Da Ponte: Giovedì 15 Marzo partenza alle ore 14:30
  • L’Eroica 16 “Die Uhr conosciuta come L’Orologio dalla Sinfonia 101 di Joseph Haydn: Venerdì 16 Marzo partenza alle ore 14:30
  • L’Eroica 17 “Eroica la Sinfonia nr. 3 di L.Van Beethoven: Sabato 17 Marzo partenza alle ore 14:30
  • L’Eroica 18 “L’Inno alla Gioia dalla Sinfonia nr.9 la “Corale” un Inno conclusivo alla Gioia, alla Vita, alla Corsa: Domenica 18 Marzo partenza alle ore 9:30.

I primi quattro giorni Daniele sarà accompagnato da una staffetta ufficiale di Eroica15-18, aperta anche a tutti coloro che vorranno accompagnarlo lungo il percorso, mentre la domenica mattina si unirà a tutti gli altri concorrenti per la Sinfonia conclusiva.

Parlavamo di donazione: per ogni Maratona-Sinfonia ci sarà un’azienda che vestirà il ruolo di “sponsor-donatore”,  con una donazione ad un’associazione Onlus il cui nome presto verrà reso noto.

5 Sinfonie, 5 Maratone, 5 Magliette diverse con il logo di ogni azienda abbinato a quello di Eroica15-18 a testimonianza della donazione. Ogni euro donato sarà reso pubblico da Eroica15-18 e Daniele Cesconetto.

Per me è sempre un piacere e un onore mettere a disposizione le mie gambe e quello che mi viene meglio nella vita, correre, per chi ne ha bisogno e che purtroppo non può farlo.
Daniele Cesconetto

Un immenso GRAZIE a Daniele da tutti noi di Eroica15-18. Un motivo in più per partecipare anche solo da spettatori agli eventi di Eroica15-18: vi aspettiamo numerosissimi il prossimo 18 marzo 2018 a Vittorio Veneto. Venite a correre con noi, ad incitare e applaudire i nostri Eroi, a fare festa con noi! Ne vedrete delle belle!

Con questa bellissima notizia Eroica15-18 chiude questo meraviglioso 2017 e vi augura una splendida conclusione e tutto il Meglio per il 2018!

Grazie per tutto il calore e la partecipazione che ci avete dimostrato finora.

[contact-form-7 id=”2895″ title=”Newsletter”]

 

 

Correre è Arte con la A maiuscola

daniele_cesconetto_eroica15-18_vittorio-veneto_maratona_18-marzo-2018

Eroica15-18 ha ricevuto un meraviglioso regalo di Natale: Daniele Cesconetto il prossimo 18 Marzo a Vittorio Vento correrà l’Eroica15-18 Marathon.

Siamo felicissimi nel darvi questa fantastica notizia: Daniele Cesconetto parteciperà alla Eroica15-18 Marathon e affronterà, a modo suo, con Arte, il Percorso più bello del mondo.

A modo suo, perché Daniele non corre solamente, non si limita a percorre chilometri, abbattere record, spostare sempre oltre i suoi limiti. Daniele disegna i chilometri, li dipinge, li colora con la sua naturale e spontanea energia, passione e desiderio di aggiungere dell’altro, il suo Valore aggiunto.

E ogni volta, ad ogni gara è spettacolo! Daniele_Cesconetto_landscape_eroica15-18_vittorio-veneto_18-marzo-2018_maratona

Lo confessa lui stesso, parlando di come la corsa sia andata oltre il susseguirsi di passi uno dopo l’altro e abbia raggiunto per lui una dimensione nuova:
«…E chilometro dopo chilometro la corsa, per me, è diventata Arte, con la A maiuscola. Non è semplice gesto atletico: dietro a quella serie di passi, uno dopo l’altro, che sembrano tutti uguali, c’è una miriade di aneddoti, esperienze, ricordi che, con gli anni, mi hanno permesso di dipingere un quadro. E mi piace quello che sto dipingendo…» e raccontandosi agiiunge : «Ho iniziato a correre nel 1997 … e per il momento devo ancora smettere. Se mi guardo indietro, vedo solo le emozioni che mi hanno regalato le strade e i sentieri. Sensazioni che sono ossigeno per il mio corpo, mente e anima. I chilometri e il tempo? Sono solo numeri e niente più».

Daniele_Cesconetto_landscape_selfie_eroica15-18_marathon_vittorio-veneto_18-marzo-2018

Per Lui parlano le sue imprese, come il record mondiale di maratone corse consecutivamente su tapis roulant: 60 maratone alla media di  poco più di 4 ore 30 minuti. 60 giorni uno dopo l’altro consecutivamente, senza pause nel weekend. Ha corso dal 8 Gennaio al 8 Marzo di quest’anno dal lunedì al sabato dopo il lavoro nel pomeriggio, mentre la domenica iniziava di buon mattino.
60 maratone sul tapis roulant sono Arte quando sono corse per una nobile causa e non solo per il record del mondo: 2531,7km per raccogliere fondi a favore della Via di Natale che assiste i pazienti in cura presso il CRO di Aviano. Anche in questo caso per Daniele il Valore e la Bellezza di tutta l’impresa è stato poter catalizzare la giusta energia, condividere l’impresa con i tantissimi amici runners che lo hanno accompagnato correndo insieme a lui alternandosi sui tapis roulant e poter rendere quel semplice gesto di appoggiare un piede davanti all’altro un meraviglioso dipinto di solidarietà.

Prima di questa sfida Daniele colleziona mille altre fantastiche imprese. Ne citiamo alcune: nel 2002,  per esempio, in maglia azzurra corre i Campionati europei di 100 chilometri in Olanda in 7 ore e 31’, con ai piedi un modello di scarpe A2 che solitamente utilizzano i runners veloci e leggeri nelle brevi distanze! Poi scopre il deserto e corre la Libyan Desert Marathon 4 tappe composte da 4 maratone in 4 giorni. E poi corre anche la Marathon des Sables in Marocco. Dal deserto alle nostre amate montagne con la sfida dell’Antico tri degli Sciamani, nella foresta del Cansiglio. E infine aggiungiamo anche la 100km su tapis roulant sempre per raccogliere fondi in favore dell’associazione Art4Sport, che si ispira alla meravigliosa campionessa paraolimpica di scherma Bebe Vio.

In questi ultimi giorni lo vediamo impegnato nel suo ruolo di generoso ed instancabile sostenitore di iniziative virtuose e benifiche, come la LitTLe RuN: per il Piccolo Rifugio che si correrà il prossimo 26 dicembre a Vittorio Veneto con partenza alle ore 9:30 dal Marco Polo Centre. Le sue dirette Facebook in favore di questa fantastica iniziativa sono un’altra dolcissima ciliegina sulla torta. A proposito, non mancate: vi aspettiamo tutti!!!

Daniele_Cesconetto_logo_eroica15-18_marathon_vittorio-veneto_18-marzo-2018La testimonianza di Daniele attraverso le sue inarrestabili iniziative è molto forte: la Corsa come passione e poi oltre,  come Maestra di Vita, strumento virtuoso per unire, condividere, divertire e far divertire, emozionare, dipingere e colorare la vita. Se non è Arte questa!

«MEMENTO AUDERE SEMPER … perché si muore una sola volta ma si vive tutti i giorni». 
Daniele Cesconetto 

E non è finita qui….iscrivetevi alla nostra Newsletter per scoprire le prossime sorprese!

[contact-form-7 id=”2895″ title=”Newsletter”]

Corsa e allenamento: il “Manuale D.O.C.”

manuale-doc-ottusamente-deviato-per-la-corsa_blog_eroica15-18_pillole-di-allenamento

Correre è prima di tutto un piacere, una gioia che dona al runner grazie tutta una serie di miglioramenti sia dal punto di vista fisico che da quello mentale.
Una volta iniziato con il jogging, è molto probabile che scatti la voglia di migliorare ancora, di aggiungere qualche chilometro al solito giro, di arrivare in cima a quella salita senza camminare.
Fino al momento in cui nasce dentro quella voglia della grande sfida: la Maratona.

Ma come prepararla, come arrivare in piena forma quel giorno e soprattutto come facciamo a capire qual è il giusto allenamento per migliorare senza incappare in infortuni?

Eroica15-18 suggerisce come punto di partenza, questo bellissimo libro “Il Manuale D.O.C. Deviato Ottusamente per la Corsa”, di Simone Cellini, SBC Edizioni, che nasce dall’esperienza di blogger dell’autore, molto interessante il suo blog Runner 451, dalla sua grande passione e amore della corsa, da anni di studi sulle tecniche di allenamento, sulla fisiologia applicata allo sport e soprattutto sulla sperimentazione e verifica sul campo con sé stesso e con molti runners che allena personalmente. Un manuale non manuale sulla corsa. Un manuale scritto non da un campione del Running, ma da un amatore per amatori della corsa, per chi ama correre e per chi vuole imparare a farlo.

Simone-Cellini_pillole-di-Maratona_blog_Manuale-ottusamente-deviato-per-la-corsa

manuale_doc_pillole-di-maratona_blog_Eroica15-18

Evidenziamo la parola passione, che traspare forte nel libro e che l’autore ha per la corsa e ha voluto trasmettere in tutto il libro, sia nelle parti più tecniche, che in quelle più narrative. La passione, ma anche l’equilibrio, perché “Deviato Ottusamente per la corsa” richiama l’amore incondizionato per questo sport, è però anche importante tenere ben presente che le passioni possono creare dipendenza e le dipendenze vanno controllate. Il divertimento ed il benessere innanzitutto, senza perdere il controllo, altrimenti le passioni diventano prigioni.

Come scrive l’autore nella prefazione, “Chi ci insegna ad essere normali quando siamo unici?…le istruzioni devono essere strumenti e non obiettivi…questo manuale non ha la pretesa di essere assolutistico, è una lettura con tanti consigli, da fare propri. Un manuale che aiuti a diventare podista, un runner, che non limiti la passione per la corsa, ma la valorizzi, la faccia emergere in superficie, che dia gli strumenti per essere un runner consapevole e felice, orgogliosi di ciò che si è, di ciò che si riesce a fare, con le proprie forze, senza l’ansia del risultato o di dimostrare qualcosa a qualcuno, se non a se stessi”.

Il libro è suddiviso in quattro parti: nella prima troviamo storie reali di runner amatoriali, che conducono il lettore a scoprire e poi identificarsi con i personaggi che si raccontano e a calarsi nel mood del libro. La seconda parte è dedicata ai principianti, a chi ha appena iniziato e molto utile a tutti coloro che corrono. Qui si affrontano gli aspetti fondamentali: come scegliere le scarpe da running, la “cassetta degli attrezzi per correre”, i primi allenamenti e poi man mano fino ad affrontare la sfida alla prima maratona. La terza parte è dedicata a chi da principiante è diventato un vero amatore: qui troverete indicazioni molto preziose sulla preparazione atletica, sul miglioramento della velocità, e un capitolo importantissimo su come gestire le emozioni nelle competizioni. Troverete consigli su cosa fare il giorno prima e dopo della gara e tantissimo altro. L’ultima parte, un vero e proprio dizionario della corsa, con quattro capitoli dove vengono riassunti le tipologie di allenamento e tutti i termini tecnici utilizzati nel manuale. Un percorso lungo 31 capitoli tutti di corsa: bellissimo, coinvolgente, divertente, preciso, chiaro, esaustivo.

Non vi resta che cliccare a questo link e acquistare la vostra copia. Scoprirete che per Natale il vostro acquisto può fare del bene anche agli altri, essendo legato ad una bellissima iniziativa di beneficienza.

Buona Lettura.

Rimanete sempre aggiornati con le nostre News iscrivendovi alla Newsletter di Eroica15-18

[contact-form-7 id=”2895″ title=”Newsletter”]

 

 

Correre la Maratona : con la Mente e con il Corpo

correre-la-maratona-con-il-corpo-e-con-la-mente_eroica15-18_marathon_vittorio-veneto_blog_18-marzo-2018

Nello scorso articolo abbiamo parlato della corsa in inverno [leggi l’articolo], mentre oggi iniziamo il Viaggio verso la Maratona del prossimo 18 marzo 2018 che si correrà a Vittorio Veneto: l’Eroica15-18 Marathon.

L’evento è unico nel suo genere: ci sarà UNA sola edizione, il percorso si svilupperà quasi interamente su strade asfaltate, si attraverseranno i centri storici di alcuni dei paesi più belli d’Italia e ci si troverà immersi nelle colline trevigiane, costeggiando i laghi di Revine, affrontando la “Salita degli Eroi” e godendo di incantevoli panorami.

Se il dislivello del percorso di circa 600 metri, non permetterà di battere il record del mondo, la varietà dei paesaggi, gli scorci storici, le piste ciclabili, i saliscendi immersi nella natura, invece, daranno quell’energia in più, quel piacere di correre in luoghi incantevoli e soprattutto chiusi al traffico, che permetterà ai Runners di correre un’altra corsa, una sfida con se stessi, con i propri limiti, con l’Eroe dentro ognuno di noi.

Sarete i nostri Eroi: coloro che aldilà della prestazione cronometrica avranno affrontato magari per la prima volta la mitica distanza di 42 mila e 195 metri!

Ma quando un Runner è pronto per correre la sua prima Maratona?

È una domanda che sempre più amanti della corsa si pongono, perché prima o poi, tutti sentono il desiderio di confrontarsi con questa distanza: all’inizio può sembrare inavvicinabile, una sfida impossibile, ma poi la maggior parte di chi l’ha affrontata, riesce a vincerla. E mai come in questo caso il concetto di Partecipare è sinonimo di Vittoria.

Ma cosa deve fare un Runner per sentirsi pronto per la sua prima Maratona? Come si fa ad avere nel fisico e nella testa quelle caratteristiche che lo porteranno fino al traguardo?

Tralasciando per ora la parte tecnica della preparazione che prenderemo in considerazione nei prossimi articoli, oggi poniamo l’accento sull’aspetto mentale ed emotivo: un podista è pronto per la sua prima Maratona quando la sua Mente è convinta di potercela fare. Quando questa sfida scatena in lui quelle emozioni che valgono mille km di fondo, ripetute e intervall training. La passione, la forza di volontà, l’attitudine, la paura dell’incognito, il dubbio di cosa potrà trovare dopo le colonne d’Ercole al 32° chilometro, la dedizione e l’ebbrezza della sfida. Tutto ciò è la base alla quale aggiungere poi gli allenamenti.

La Maratona da un punto di vista fisiologico è una delle sfide meno naturali e automatiche che il corpo umano possa sostenere. Come afferma splendidamente il Prof. Tim Noakes: “Dio, nella sua infinita saggezza, ha stabilito per l’uomo un limite di distanza di corsa che si aggira sui 32 km, limite imposto dall’inadeguatezza delle scorte del carburante primario del maratoneta: i carboidrati. Noi, nella nostra umana saggezza, abbiamo stabilito che la distanza di una Maratona deve superare i 42 km. È in quella “terra di nessuno”, che inizia dopo il trentaduesimo km, che risiede l’irresistibile fascino della Maratona”.

https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Samurai_armor_-_Higgins_Armory_Museum_-_DSC05521.JPG
By Daderot (I took this photograph.) [Public domain], via Wikimedia Commons
E’ in quella “terra di nessuno” che emergono dentro ogni Runner forze fin prima sconosciute, energie che nessun integratore può fornire, e che fanno di un semplice Runner un Maratoneta.

Per Lo scrittore Mauro Covacich,del quale vi consigliamo il libro A perdifiato“il Maratoneta è un Samurai senza spada. E la maratona è un’arte marziale. Chi la corre compie una scelta estetica, non una sportiva. Lo sport non c’entra niente. Vorrei dire: Resistere alla più alta velocità possibile per una strada così lunga è la cosa più bella che una mente umana possa produrre. La mente non è il cervello, la mente è il sistema del corpo che pensa. La mente è la rete in cui il mio avampiede, il mio cuore, il mio glicogeno, i miei desideri, la mia memoria, tutto me stesso dialoga con tutto me stesso e con ciò che dall’esterno modifica o può modificare me stesso”.

Anche per questo e per la condivisa consapevolezza del Viaggio che la mente fa durante una Maratona, tutti noi di Eroica15-18,  accoglieremo ognuno ei partecipanti alla nostra Maratona come veri Eroi.

Il Viaggio verso il prossimo 18 marzo 2018 continua, in ognuno di noi, con tutti coloro che vorranno condividere la nostra passione, il nostro Amore per la Corsa.

Nei prossimi articoli continueremo a scoprire l’universo Maratona e quanto affascinante sia il Viaggio verso il traguardo e passo dopo passo ci prepareremo a Eroica15-18.

Iscrivetevi alla nostra Newsletter per tuti i nostri aggiornamenti e News!

[contact-form-7 id=”2895″ title=”Newsletter”]

 

 

Racconta la tua Storia

Qual’è la tua storia di Runner ? Sei un Runner Guerriero ? Cosa ti ispira quando corri?

Nella corsa gli ultimi non sono certo meno degni dei primi. Anzi, per certi aspetti lo sono anche di più. Arrivano fino in fondo correndo molte ore in più di quelli che sono in testa. Arrivano fino in fondo anche se sanno fin dall’inizio che non avranno mai una medaglia al collo.
Marco Olmo

Ogni corsa, allenamento, gara, sfida è un avvenimento ricco di particolari, sensazioni, emozioni, a volte anche dolore, a volte soddisfazioni.

young_runner_eroica15-18-marathon_vittorio-veneto_18-marzo-2018

Ricorderò sempre la sensazione di smarrimento quando vidi la partenza ai miei primi campionati italiani di campestre avevo 16 anni, e mi ritrovai chiuso in una gabbia di legno insieme agli altri ragazzi della mia squadra con a fianco altri 180 partecipanti: non avevo mai visto una partenza così larga…quanto spazio intorno a noi, da togliere il fiato!

Il bello è arrivato allo sparo d’inizio: quando il terreno sotto i nostri piedi ha iniziato a tremare all’incalzare di quasi duecento ragazzi che cercavano di guadagnare  il punto migliore per affrontare a tutta la prima curva. E ognuno voleva arrivarci per primo!

Spazio, velocità e un rumore, un tumulto assordante di gambe che scaricavano a terra tutta la loro potenza.

Come non scorderò mai l’immensa soddisfazione al traguardo della mia prima Maratona, con il mio piccolo figlio di poco più di un anno, mentre applaudiva uno stanchissimo e mal conciato papà, che nonostante partecipasse ad una Maratona di provincia, provava emozioni e soddisfazioni così grandi come fosse stato a New York.

Invece qual è la tua Storia di Corsa? Runner_eroica15-18_vittorio-veneto_marathon

Raccontaci le tue avventure, le tue emozioni e le tue partecipazioni insieme agli amici o in completa solitaria.

Raccontaci di quell’allenamento magico, che ti ha sorpreso, dove magari hai superato limiti che non avresti mai pensato di raggiungere.Oppure raccontaci cosa rappresenta per te la Corsa, qual è la tua filosofia di Running e come la vivi.

I tuoi racconti sono tesori preziosi per tutti gli amanti del Running, che sia in una pista, in una campestre o nella Maratona.

La tua Storia di Corsa è importantissima per noi di Eroica15-18: raccontala utilizzando l’hashtag #raccontalatuastoria, scrivici una mail a info@maratoninadellavittoria.it, oppure condividila sulla nostra pagina Facebook.

Le più belle verranno pubblicate sul nostro Blog!

#raccontalatuastoria

Iscriviti alla nostra Newsletter per restare aggiornato su tutti gli eventi!

[contact-form-7 id=”2895″ title=”Newsletter”]