Terzo mese di allenamento

Ovvero : la trasformazione da Homo Divanus a Homo Atleticus

 

9 SETTIMANA

Iniziamo il terzo mese di allenamento!

La scorsa settimana sei arrivato a 45’, continua così anche per la prima uscita di questa settimana, quindi arriva a 50’ per le prossime due uscite.

 

10 SETTIMANA

Hai mai sentito parlare di “barriera del suono”? Bene, questa settimana ti chiederemo di infrangerla! Scegli un giorno speciale, uno facile da ricordare… perché sarà la tua prima ora di corsa continua. Esatto… 60’ di corsa leggera senza recupero intermedio, il primo vero traguardo di ogni runner!

Al termine ricorda sempre di fare uno stretching efficace e di reidratare il corpo. Poi riposati per qualche giorno, e abituati all’idea di essere passato dallo stato di “HOMO DIVANUS” a “HOMO ATLETICUS”… ed è solo l’inizio dell’evoluzione! ??

Per questa settimana fai solo un allenamento, poi goditi qualche giorno di meritato riposto.

 

11 SETTIMANA

Adesso che sei entrato ufficialmente a far parte dei papabili partecipanti alla prossima 7 o 10 km inizia ad informarti sugli eventi podistici organizzati nella tua zona! Avere un obiettivo preciso (o anche più d’uno) ti aiuterà moltissimo a mantenere la costanza negli allenamenti. Se abiti in Veneto, visita questo sito: https://calendariopodismoveneto.blogspot.com/ altrimenti cerca su Google “10km” o “7km”.

D’ora in poi e fino alla mezza maratona, alterneremo gli allenamenti in settimane di “carico” e di “scarico”.

Indovina un po’? Visto che la scorsa settimana hai riposato dopo la tua prima ora di corsa, adesso ti tocca faticare!

Organizza i 3 allenamenti in modo da avere un giorno di riposo intermedio, ad esempio Lun/Mer/Ven o Mar/Gio/Sab, oppure utilizza la domenica come giorno jolly per l’allenamento più lungo o faticoso.

Questa settimana allenati così:

  • –  1° uscita : corri per 10 km e monitora il tuo tempo. Cerca di partire con un’andatura tranquilla, non ti affaticare troppo all’inizio, l’importante è portare a casa il risultato della distanza!
  • –  2° uscita : corri una distanza di 7 km, mantenendo un’andatura costante o in lieve aumento. Se scegli di aumentare l’andatura, fallo in modo graduale, perché dovrai cercare di non diminuirla fino alla fine dell’allenamento. Non strafare, questo esercizio di aiuterà a capire come dosare la tua energia e la tua resistenza. Ascolta il tuo corpo.
  • –  3° uscita : corri per un’ora, se vuoi alterna andature più sostenute e andature “di recupero”, senza mai camminare.

 

12 SETTIMANA

Recupera con tre allenamenti a giorni alternati, di 6 – 8 – 6 km ad andatura costante.

Se il tuo corpo chiede un po’ di sforzo in più, nell’allenamento centrale mantieni un’andatura più sostenuta, ma solo negli ultimi 3 km.

Correre al femminile. Ovvero, quando la maratona è donna!

Buongiorno Web runners!

Prima di iniziare l’articolo di questa settimana vogliamo dedicare un pensiero a quello che è successo nelle nostre valli e nei nostri boschi la scorsa settimana.

La natura è libera, indomabile, potente e spesso si manifesta in una misura che ci sovrasta. Ci insegna che niente è definitivo, ma anche che dal nulla si rinasce.

L’uomo fa parte di questo crudo, meraviglioso scenario.

La nostra storia ci ha dimostrato che la volontà e il lavoro quando si combinano fanno prodigi inimmaginabili.

Ci vorrà molto tempo e molto impegno per ricostruire il nostro paesaggio, sarà una prova di forza, di pazienza e di costanza, proprio come una maratona. Una maratona che è già partita.

amanti della montagna

 

Iniziamo l’articolo di oggi con un intenso lavoro… di immaginazione!

Pensa di essere a bordo di un aereo in volo a 10000 piedi e improvvisamente ti accorgi che manca un’ala…. o di essere il pilota di una F1 lanciata a 300 all’ora e ti rendi conto che non c’è più il volante… o, peggio, pensa ad una carbonara… senza il guanciale! Terribile, no?

Ebbene sì, fino a poco meno di 50 anni fa le maratone erano proprio così, prive di una loro componente essenziale: la donna.

Nel 1966 Roberta Gibb fu la prima rappresentante del gentil sesso a percorrere l’intero tragitto di una maratona, era quella di Boston. Al momento dell’iscrizione i giudici le rifiutarono il pettorale, perché “la corsa era aperta ai soli concorrenti maschi e perché, anche volendo, una donna non sarebbe stata fisicamente in grado di correre una maratona”.

Quanto si sbagliavano: la signora Gibb non si perse d’animo e corse tutta la gara fingendosi un uomo, “Bobby” per l’appunto. Il trucchetto fu replicato l’anno successivo dalla signora Kathrine Switzer e proprio lei, dopo 5 anni di insistenza, riuscì ad ottenere la libera iscrizione delle concorrenti donne, nel 1972.

Da allora la presenza femminile è aumentata verticalmente, basti pensare che nell’ultima maratona di Boston il 48% dei concorrenti iscritti erano donne.

Considerando l’aspetto puramente fisico, il corpo femminile è meno “potente” di quello maschile, ma la donna ha una temibile carta segreta: si chiama resilienza. E’ la capacità di rimanere concentrati sull’obiettivo e di non perdere motivazione anche nei momenti di difficoltà, una qualità fondamentale nella maratona.

Maria Comotti, giornalista sportiva del magazine Correre, in un articolo di qualche anno fa esortava il mondo femminile del running a “togliere la famosa felpa legata in vita e mostrare il proprio corpo, e correre libere”.

L’emancipazione femminile nel mondo delle maratone non è passata solo attraverso quella felpa, ma anche attraverso i risultati incredibili ottenuti da grandi atlete, attraverso l’impegno di moltissime donne ad organizzare eventi podistici di solidarietà, in supporto a categorie svantaggiate o per fini umanitari, e grazie alla loro indiscussa capacità di aggregazione.

Anche il web ha giocato un ruolo importante in questo senso. Sono tantissimi i blog ed i siti pensati e realizzati da donne che parlano di alimentazione, lifestyle, fitness, ma anche di impegno e di vita vissuta.

Segnaliamo ad esempio www.mangiacomecorri.com in cui Laura Failla racconta le sue storie di corsa e di cucina, ma anche www.unarunnerincucina.com il sito gestito da Michela, una triestina di 39 anni che fino a poco tempo fa odiava correre, ma dopo aver mosso i primi passi non si è più fermata. Si racconta così: “la corsa è stata lo strumento per diventare una persona più forte, più disciplinata e, di conseguenza, più sana e in forma”.

Un altro punto di vista, sicuramente più leggero ma non meno interessante viene da www.fashionrunning.com un blog che parla di moda, di donne e di maratone. Anche Federica Fontana, modella, showgirl e blogger ha creato un suo spazio www.runfederun.it nel quale parla di fitness, alimentazione sana e lifestyle.

Abbiamo trovato molto interessante anche www.runandthecity.it il blog creato da Cristina Turini, che già dal titolo esprime la sua attitudine a non prendersi troppo sul serio. Qui potrete trovare aggiornamenti sulle ultime tendenze in materia di corsa, dall’abbigliamento agli accessori ed ovviamente una lista di eventi sportivi durante i quali sfoggiarli.

Ultima segnalazione è www.46percento.it su questo non anticipiamo nulla. Visitatelo e poi fateci sapere!

Ci congediamo quindi con un doveroso e sincero abbraccio a tutte le lady-runners e, come sempre, a tutti buona corsa!

Eroica15-18 Marathon: Altimetria

altimetria_eroica15-18_marathon_vittorio-veneto
Vi annoia la pianura?

Molti amici ci stanno chiedendo sempre più informazioni sul percorso della Eroica15-18 Marathon.

Eccovi l’altimetria di quello che per noi è l’Eroica15-18 Marathon: il “Percorso più bello del Mondo” con partenza e arrivo a Vittorio Veneto.

Vi ricordiamo che domenica 11 Marzo è l’ultimo giorno prima del cambio quota.

Correte ad iscrivervi  a questo link: ISCRIZIONI ON LINE 

METTICI LA FACCIA: DI CORSA CONTRO IL RAZZISMO

ANTIRAZZISMO_VITTORIOVENETO2018_eroica15-18_fondazione-leone-moressa
Anche Eroica15-18 aderisce alla settimana contro il razzismo con l’appuntamento “Di Corsa contro il razzismo”

 

Il Comune di Vittorio Veneto ha ottenuto dall’Ufficio Nazionale Anti-discriminazioni Razziali (UNAR) un finanziamento di 10.000 € per organizzare, in collaborazione con la Fondazione Leone Moressa e con diverse realtà del territorio, la Settimana di azione contro il razzismo promossa dallo stesso UNAR.

Si tratta di un’occasione importante per favorire l’incontro tra culture diverse e riflettere sui temi dell’accoglienza e della solidarietà.
Vittorio Veneto sarà quindi l’unico Comune in Veneto ad organizzare la Settimana di azione contro il razzismo. In tutta Italia saranno 26 i Comuni in prima linea su questo fronte”.
Secondo Enrico Di Pasquale, ricercatore della Fondazione Leone Moressa, “Nel contesto attuale è importante sottolineare l’importanza dei valori dell’anti-razzismo e della lotta alle discriminazioni, alla base del convivere civile e democratico.

Le attività della “Settimana contro il razzismo” rientrano all’interno delle iniziative per il Centenario della Grande Guerra. Il Centenario offre infatti importanti spunti di riflessione per spingerci tutti a ragionare sulla convivenza con culture diverse e sul tema della pace tra i popoli.

Nel 1918, con la ritirata di Caporetto, l’Italia conobbe una gigantesca migrazione interna. I “profughi” veneti e friulani che fuggivano dalla guerra verso l’interno del Paese furono spesso guardati con sospetto e a malapena tollerati dai connazionali sui cui territori vennero dislocati: anch’essi consumavano risorse e occupavano posti di lavoro, accettando magari salari inferiori a quelli dei locali. Oggi sono i migranti forzati che giungono dall’Africa e dal Medio Oriente a sollevare questioni analoghe.


“Di corsa contro il razzismo”. Con questo slogan il lancio della “Settimana” avverrà domenica 18 marzo nell’ambito dell’Eroica15-18 Marathon e alla 5^ Maratonina della Vittoria: ai partecipanti sarà chiesto di indossare un braccialetto colorato simbolo dell’anti-razzismo, e di “mettere la faccia” a disposizione dell’iniziativa attraverso un selfie.

Il tema dei migranti sarà approfondito anche attraverso una mostra fotografica dal titolo “1918-2018 profughi di ieri e di oggi” che presenterà immagini storiche sui profughi della Grande Guerra e foto degli sbarchi attuali di Lampedusa. L’esposizione sarà allestita all’interno della Chiesa di San Paoletto, presso il Museo della Battaglia dal 19 marzo al 3 aprile.
Quando i profughi eravamo noi.

Venerdì 23 marzo presso il Museo della Battaglia si terrà una tavola rotonda con Giannantonio Stella e altri ospiti, sul tema dei profughi di ieri e di oggi. Saranno approfonditi gli aspetti storici legati ai profughi della Grande Guerra e saranno presentate alcune testimonianze circa il salvataggio dei migranti e l’accoglienza sul territorio.

Il ciclo delle attività legate alla “Settimana di azione contro il razzismo” si concluderà sabato 24 marzo presso il Victoria Sport, con la premiazione dei bambini e dei ragazzi delle scuole di Vittorio Veneto, coinvolti con due concorsi sul tema “Il mondo che vorrei”.

eroica15-18_vittorio-veneto_18-marzo-2018_centenario_copertina_articolo_connubio_la-mezza-di-treviso_eroica15-18

L’obiettivo è quello di stimolare la creatività dei più giovani invitandoli ad esprimere attraverso disegni e frasi, il loro pensiero sull’integrazione e sulla lotta al razzismo. In serata è prevista infine una manifestazione enogastronomica battezzata “Sapori dal mondo”. La cittadinanza è invitata ad un momento di festa con la degustazione di piatti tipici preparati dalle associazioni di immigrati. Il pubblico sceglierà il piatto vincitore.

Fonte: sito web Comune di Vittorio Veneto 

GLI AMICI DI DIEGO ALLA EROICA15-18 MARATHON

GLI AMICI DI DIEGO SARANNO PRESENTI ALLA MARATONA DEL CENTENARIO

Un gruppo unito, tutto energia, spirito sportivo e dedizione agli altri. Non servono tante parole per descrivere l’Amore per il prossimo espresso dai volontari in maglietta verde, con la loro instancabile presenza alle corse praticamente ogni domenica.

Questo è il racconto del mitico Presidente, Stefano French Franceschin.

L’associazione amici di Diego parte dal lontano 2004 dall’idea di un Agente di polizia , di portare Diego Maschietto un ragazzo con disabilità a correre nelle maratone …

Da lì parte l’idea di formare un’associazione e nel 2007 il sogno diventa realtà !
Nasce così l’associazione Amici di Diego Onlus. Che inizia a portare i ragazzi in carrozzina nelle corse che siano maratone,  mezze maratone e marcie marcie non competitive.

La svolta si ha dal 2012 ad oggi , quando l’associazione conta 14 ragazzi e 140 atleti che hanno spinton e continuano irriducibili a spoingere. Formata da 5 persone del direttivo e dai ragazzi Diego , Manuel , Christian , Riccardo , Simone , Emanuele , Marta Mariateresa , Linda , Lisa , Andrea, Devis , Andrea , Samantha .

Negli anni abbiamo formato un team di grandi Atleti che in varie occasioni lasciano la maglia della propria società sportiva ed indossano la nostra maglia verde fluo.

Dal 2012 abbiamo iniziato a fare 10 /15 gare l’anno realizzando 12 carrozzine apposite per la corsa.
Chiunque può aderire all”Associazione e unirsi al gruppo. In entrambi i fronti afferma Stefano: «Sarei ben felice che qualcuno si unisse a provare o ad essere spinto, può contattarci alla mail info@amicididiego.com».

Il motto dell’associazione è “CORRERE PER UN SORRISO” e  “NON MOLLARE MAI” !

“L’obiettivo – continua Stefano – è far divertire i ragazzi disabili in carrozzina, impossibilitati a correre con le proprie gambe, e abbattere il muro della disabilità.

Far vivere loro l’emozione dello sport, della corsa, della Vita. Nel nostro sito, AMICI DI DIEGO, si può scaricare il modulo d’iscrizione all’associazione.  Si trovano informazioni anche sulla  pagina facebook “AMICIDIDIEGO.ONLUS”.

Il prossimo 18 marzo affronteranno l’impegnativo percorso della Eroica15-18 Marathon: con il sorriso, come sempre!

 

Non perdetevi la nostra Newsletter inserendo la vostra mail nel form qui sotto:

[contact-form-7 id=”2895″ title=”Newsletter”]

 

I PACERS A EROICA15-18 E GIORGIO CALCATERRA

pacers-gli-originali_eroica15-18_marathon_i-pacers-e-eroica15-18

I PACERS A EROICA15-18: una conferma e una gradita sorpresa.

Giorgio-Calcaterra_eroica15-18_marathon_vittorio-veneto_18-marzo-2018_solo_panorama_cut_angeli-del-sorriso_26-02-2018Alla Eroica15-18 Marathon e alla 5^ Maratonina della Vittoria che prenderanno il via a Vittorio Veneto il prossimo 18 marzo 2018, saranno con noi i “Pacers gli Originali”, i Volontari del Sorriso.

Eccovi i tempi dei Pacers a Eroica15-18, con i quali guideranno gli atleti durante la Maratona e la Mezza Maratona.

E non sarà una semplice guida, ma in gara Roberto il Capitano, ed i suoi Angeli, assistono, incitano, prestano la massima attenzione alle variazioni del percorso, dosando l’andatura magistralmente sia nei tratti di discesa, sia nel caso in cui la strada inizia a salire. E non si fermano qui. Ce la mettono tutta per essere dei valorosi assistenti di gara e sono quell’ingrediente perfetto per rendere magica e avvincente la corsa sia dei Maratoneti, sia di chi correrà la 21km.

Inoltre ad accompagnare il gruppo delle 3:30 ci sarà un Pacer d’eccezione: infatti il mitico Giorgio Calcaterra ha accettato di seguire gli atleti che correranno ad un ritmo di circa 5’00” al chilometro. Un fantastico motivo in più per correre con noi l’Eroica15-18 Marathon.

Non vediamo l’ora di vederli in azione lLa capacità di coinvolgimento e dedizione non ha eguali: il cameratismo e lo spirito di gruppo che si creano con Roberto, il Capitano, e tutti i suoi Volontari del Sorriso sono unici. Sanno gestire il gruppo come pochi altri: correre in gruppo infatti da un grandissimo aiuto nei momenti più duri e ti permette di trovare la motivazione giusta per non mollare.

Eccovi i gruppi dei Pacer e il relativo tempo finale per la 5^ MARATONINA DELLA VITTORIA
Il primo gruppo terrà un ritmo da 1:24’ per poi proseguire con questi crono finali:  1:30’ – 1:35’ – 1:40’ – 1:45’ – 1:50’ – 2:00’pacers-gli-originali_eroica15-18_5-maratonina_i-pacers-e-eroica15-18_gli-angeli-del-sorriso

EROICA15-18 MARATHON
Il primo gruppo con l’aiuto anche di  Giorgio Calcaterra porterà gli atleti al traguardo in 3:30’, per proseguire poi con questi crono finali:
3:50’ – 4:10’ – 4:30’ – 5:00’ – 5:30’ – 6:00’ – 7:00’pacers-gli-originali_eroica15-18_marathon_i-pacers-e-eroica15-18_giorgio-calcaterra_26-02-2018

Il gruppo finale è stato creato appositamente per le tantissime richieste che ci sono giunte, da chi non è un maratoneta preparatissimo, ma non vuole rinunciare a correre lungo il percorso  della Eroica15-18 Marathon e vuole approfittare di una giornata speciale di sport e condivisione, una vera e propria festa del Running.

Cosa aspettate? Correte con noi: iscrivetevi direttamente al portale di  Enternow

 

Per non perderti le prossime News di Eroica15-18 iscriviti alla nostra Newsletter:

[contact-form-7 id=”2895″ title=”Newsletter”]

Coop City Run: corri in libertà a Vittorio Veneto

little_COOP_CITY-RUN_vittorio-veneto_mosaico_eroica15-18_evento

La COOP City Run è pronta per la prima edizione nella bellissima Vittorio Veneto.

Domenica 18 Marzo la prima edizione della gara non competitiva di 8 km porterà gli atleti, i joggers, e tutti gli amanti del walking alla scoperta delle bellezze di Vittorio Veneto.

La partenza è fissata alle 10 in Piazza del Popolo ed il percorso si snoderà successivamente tra le vie del centro. Si sale lungo via Brando Brandolini in direzione di Serravalle per poi dirigersi lungo Via Antonello da Serravalle fino alla Pieve di Sant’Andrea di Bigonzo.monumenti-interesse-vittorio-veneto-chiesa-sant-andrea

L’origine di questa chiesa viene fatta risalire dalla tradizione ad un periodo tra il III e il IV secolo e, sempre secondo la tradizione, qui nacque la prima comunità cristiana e avvenne il battesimo di Sant’Augusta. Ipotesi senz’altro suggestiva, non supportata purtroppo dai documenti, anche se la datazione di alcuni frammenti composti da resti di affreschi ha riportato la frequentazione di questo luogo di culto al periodo longobardo. Pensate che fino alla metà del XIX secolo era presente una pavimentazione a più livelli riconducibile ad una tipologia risalente alle prime chiese paleocristiane.cattedrale_vittorio-veneto_ceneda_piazza-giovanni-paolo-I

La Coop City Run da Bigonzo scenderà poi verso sud lungo Via cesare Beccaria, Via della Cava e Via Luigino De Nadai, fino ad attraversare i campi di golf del Marco Polo Center. Da Via Cansiglio, ci si dirigerà verso Ceneda percorrendo Via A.Diaz, Via Girolamo Lioni, su lungo Via Umberto Cosmo fino a giungere in Piazza Giovanni Paolo I, passando davanti alla Cattedrale di Santa Maria Assunta e al Museo della Battaglia.

Forse non tutti sanno che nella cripta della cattedrale di Ceneda trovano ospitalità da circa 1400 anni le reliquie di san Tiziano, già vescovo di Oderzo (la romana Opitergium) e originario di Cittanova (l’attuale Eraclea).

Dalla piazza si rientrerà verso nord percorrendo Via Jacopo Stella e Via Lorenzo da Ponte, uno tra gli ebrei cenedesi più famosi. Emanuele Coneian, più noto con il nome di Lorenzo Da Ponte, fu il celebre librettista di W. A. Mozart e nacque a Ceneda nel 1749. lorenzo_da_ponte_ritratto_vittorio_veneto_librettistaDa Via da Ponte si devia per Via Beniamino Labbi e si raggiunge Piazza San Michele.

Qui, sotto il castello vescovile di San Martino, nella piazza di Salsa, tra il confine settentrionale di Ceneda e quello che ora è il centro cittadino di Vittorio Veneto, si trova la chiesa di San Michele in Salsa. A dire il vero sono due attualmente le chiese in questa piazza intitolate a San Michele: una moderna costruita tra il 1838 e il 1854, l’altra probabilmente costruita in epoca longobarda.

E dopo questo piccolo assaggio di storia, si imbocca la dirittura d’arrivo lungo il Viale della Vittoria fino al traguardo poco prima del Monumento ai Caduti di Augusto Murer. Vi aspettiamo domenica 18 marzo, la partenza è fissata alle ore 10:00: Coop City Run, corri in libertà a Vittorio Veneto!

Per tutte le notizie di Eroica15-18 iscrivetevi alla nostra Newsletter

[contact-form-7 id=”2895″ title=”Newsletter”]

La 5^ Maratonina della Vittoria

half-marathon_Eroica15-18_5-maratonina-della-vittoria_vittorio-veneto_18marzo18_centenario

MARATONINA DELLA VITTORIA

Il prossimo 18 marzo si correrà insieme alla Eroica15-18 Marathon, la 5^ edizione della Maratonina della Vittoria.

Nata il 23 marzo 2014, è stata chiamata “Maratonina della Vittoria” in omaggio alla Città da cui prende il via e alle celebrazioni per il Centenario della Grande Guerra, che ebbe inizio nel 1914 e si concluse nel 1918 proprio con la Battaglia di Vittorio Veneto. La manifestazione, sorta dall’entusiasmo e dalla collaborazione tra le società Atletica Libertas Vittorio Veneto, Nuova Atletica San Giacomo, ora fuse nella neonata Vittorio Atletica, Atletica Vittorio Veneto e Scuola di Maratona Vittorio Veneto, vuole essere soprattutto una giornata di sport e di festa aperta a tutti.

Quest’anno, il prossimo 18 marzo, la 5° edizione della Maratonina è inserita tra gli eventi di Eroica15-18, con l’intento di commemorare attraverso lo Sport, in particolare la Corsa e la condivisione, il Centenario dellaVittoria della Grande Guerra.

Il Comitato maratonina della Vittoria propone la Corsa come mezzo per unire, fare festa, unire, coinvolgere, ricordare, ma soprattutto guardare avanti e costruire i presupposti per una città migliore, un mondo migliore.

Riproposto ogni anno ad inizio Primavera, quest’anno l’evento ha come luogo di partenza e di arrivo la centrale Piazza del Popolo davanti al Monumento di Augusto Murer.

La gara si svolge su un tracciato unico ad anello. Percorso molto vario, quindi, veloce, completamente asfaltato (eccetto due brevi tratti di 450 metri su terreno sterrato consolidato) e chiuso al traffico, che toccherà anche il Comune di Cappella Maggiore, passando accanto alla Chiesetta della Santissima Trinità, di fondazione longobarda, e il Comune di Sarmede, la “Città della Fiaba” e sede della “Mostra Internazionale d’Illustrazione per l’Infanzia”.

Il ritorno a Vittorio Veneto sarà su strade secondarie totalmente immerse nella campagna e lungo la bellissima pista ciclabile accanto al Fiume Meschio.

Oltre alla Mezza Maratona omologata F.I.D.A.L., di km 21,097, e valida nel 2018 come Campionato Triveneto Bancari e Assicurativi, il Comitato Maratonina della Vittoria propone un percorso più breve di 7km circa in collaborazione con Trevisando, per favorire la partecipazione proprio di tutti: dagli atleti agonisti, agli amatori, alle famiglie con bambini, agli amici che vogliono fare un po’ di movimento in compagnia. La gara non competitiva è stata denominata COOP CITY RUN e toccherà i punti più suggestivi di Vittorio Veneto.

La zona d’arrivo, la centralissima Piazza del Popolo, dopo l’arrivo della Mezza Maratona e della COOP CITY RUN attenderà gli Eroi della Eroica15-18 Marathon in un abbraccio colorato e festoso. Premio particolare e unico quest’anno per tutti i classificati alla 5^ Maratonina della Vittoria, sarà la Medaglia del Centenario. Ideata e sviluppata dagli studenti del Liceo Artistico Bruno Munari di Vittorio Veneto.

Vi aspettiamo numerosi il prossimo 18 Marzo, la partenza sarà data alle 9:30.

Per tutte le prossime novità sugli eventi di Eroica15-18, iscrivetevi alla nostra Newsletter

[contact-form-7 id=”2895″ title=”Newsletter”]

Una storia speciale: Giulia Candiago a Eroica15-18

front-pic_giulia_candiago_racconta-la-tua-storia_blog_eroica15-18

#raccontalatuastoria 

Anche questa è una storia speciale. Fatta di Azione, Scoperta, Innovazione, Armonia, Emozione. Lo Sport, e in questo caso la corsa, raccontato dietro le quinte, dall’interno, dove nascono le vere Storie di Sport. giulia-candiago_smile_racconta-la-tua-storia_blog_eroica15-18Ogni storia di sport è una storia speciale, particolare, ricca di significati intimi, unici. Ogni esperienza legata alla Corsa porta con sé simboli, emozioni, esperienze che poi diventano germogli e fanno nascere altre Storie, condivisioni, avventure o semplicemente sublimi momenti di Vita.

In attesa di vivere direttamente le storie dei numerosi protagonisti che parteciperanno alla Eroica15-18 Marathon, oggi abbiamo il grande piacere di raccontarvi l’esperienza di Giulia Candiago.

Giulia ha condiviso con noi il suo percorso: dallo sci ai massimi livelli, alla Tv, dove oggi racconta lo sport nella bellissima trasmissione di Rai Sport “BACK, lo sport raccontato dietro le quinte”. Lo sport vissuto da un altro punto di vista, dove Giulia racconta con la sua carica il dietro le quinte e presenta stupendamente la passione, le emozioni che lo sport regala.

Dallo scorso anno però Giulia trova dentro sé stessa il fascino di un’altra sfida chiamata Maratona e inizia a scrivere una nuova Storia.

“Ho sempre voluto mettermi alla prova e ho sempre amato la competizione, ma la Maratona è qualcosa che va al di là della gara stessa, perché non si tratta di una giornata sola, ma di un lungo percorso che fai per arrivarci. Nella mia testa ho sempre visto la Maratona un traguardo impossibile perché essendo io abituata ad uno sport di breve durata ed esplosivo la preparazione ad ore di corsa erano mentalmente difficili da affrontare”.

giulia_candiago_venice-marathon_racconta-la-tua-storia_blog_eroica15-18

In effetti passare da sforzi massimali, in cui la forza esplosiva ed elastica la fanno da padrona ad allenamenti estensivi e “blandi”, non è per nulla facile. Soprattutto per atleti che, come Giulia, hanno cercato e trovato i propri limiti fisici e agonistici. Inoltre abituare la mente a cambiare focus e modalità operativa è altrettanto complicato.

Nello sci tutto succede in qualche millesimo di secondo: la concentrazione è tutta focalizzata su ogni singolo muscolo del corpo, che deve eseguire movimenti fluidi, ma contemporaneamente potenti, calcolare la distanza e la velocità, misurare le risposte della neve per impostare al meglio la prossima curva.

Nella Maratona l’adrenalina si trasforma in costanza, determinazione, attitudine alla pazienza: il traguardo non arriverà in un paio di minuti, ma almeno in un paio d’ore. La mente impara così una nuova dimensione, impara ad ascoltare le reazioni dei muscoli che poco a poco si modificano e si fortificano man mano che aumentano i chilometri percorsi.

La corsa però è ricca di sorprese e spesso l’aiuto a cambiare e migliorare arriva proprio da chi ti corre a fianco. Lo afferma Giulia stessa: “Ma ho trovato il gruppo che mi ha coinvolta e con il mio ragazzo abbiamo intrapreso quest’avventura magnifica che ci ha portato a fare due Maratone in un mese, una vera e propria follia, pagata con gli interessi durante la Maratona di Venezia che ha risentito del poco tempo di recupero avuto dopo Berlino.

Ma sono i mesi di preparazione che contano: ore e ore di corse fatte insieme, vera e propria sofferenza ma la soddisfazione di finire i 42,195 km ripaga di tutti i dolori. Vedere attorno a te migliaia di persone che stanno facendo la stessa cosa ti spinge anche quando stai per mollare.

È già diventata una droga anche se devo stare attenta alle mie articolazioni provate da lunghe discese e sottoposte a sforzi molto intensi altrimenti mi ritrovo a 50 anni zoppicante a vita”.

Conoscendo la determinazione e la caparbietà di Giulia oltre che alla sua capacità di allenarsi con professionalità questo non accadrà di certo, e contiamo di vederla presto, impegni televisivi permettendo, correre la sua Storia in una nuova Maratona.

Qual’è la tua storia? Vuoi raccontarla a Eroica15-18? Scrivici a: info@maratoninadellavittoria.it

Per tutte le prossime News di Eroica15-18 iscrivetevi allanostra Newsletter!

[contact-form-7 id=”2895″ title=”Newsletter”]

 

 

 

 

 

Le 5 Sinfonie di Daniele Cesconetto

daniele-cesconetto_eroica15-18_le-5-sinfonie_vittorio-veneto_18-marzo-2018

Nell’articolo precedente parlavamo dell’Arte di Daniele Cesconetto: Correre è Arte con la A Maiuscola. Correre solo per i record, i titoli e le vittorie è un passaggio innato in ogni atleta. La ricerca della miglior performance, del superamento dei propri limiti legati al gesto sportivo è benzina dall’altissima capacità di combustione. È linfa vitale per ogni atleta.

Ma con il tempo, nelle persone speciali, si trasforma in qualcos’altro, in attenzione per il prossimo, in generosità nei confronti degli altri. Perché non c’è niente di più bello di scoprire quanto puoi ricevere se prima di chiedere inizi a donare.

Anche per questi motivi e per la sua infinita passione per la corsa, Daniele Cesconetto ha deciso di partecipare alla Eroica15-18 Marathon a modo suo: donando Energia, concretezza, Valori! Se c’è da correre per solidarietà, lui non manca mai.

Dal detentore del record del mondo di martone corse consecutivamente [60×60], la sua partecipazione non poteva limitarsi ad una presenza qualsiasi. Infatti dal 14 fino al 18 marzo 2018, Daniele correrà ogni giorno l’Eroica15-18 Marathon lungo il percorso ufficiale, da Vittorio Veneto, attraverso la vallata dei Laghi d Revine, sulla Salita degli Eroi.

Correrà 5 Maratone consecutive in 5 giorni.

Le ha ribattezzate Sinfonie perché, prima di tutto rappresenteranno una sfida non semplice nemmeno per un Campione come Daniele. Il percorso collinare con i suoi 600 metri di dislivello è affasciante, ma anche particolarmente impegnativo. Poi perché ad ogni Maratona verrà abbinata una Donazione ad un’Associazione Onlus e non ultimo perchè ognuna sarà una vera e propria opera d’Arte.sinergy-med_daniele-cesconetto_eroica15-18_le-5-sinfonie_vittorio-veneto_18-marzo-2018

Le 5 Sinfonie dal mercoledì pomeriggio alla domenica mattina:

  • L’Eroica 14 “Preludio dalla Carmen di Georges Bizet: Mercoledì 14 Marzo partenza alle ore 14:30
  • L’Eroica 15 “Ouverture dalle “Le nozze di Figaro”  di W.A. Mozart e il librettista vittoriese Lorenzo Da Ponte: Giovedì 15 Marzo partenza alle ore 14:30
  • L’Eroica 16 “Die Uhr conosciuta come L’Orologio dalla Sinfonia 101 di Joseph Haydn: Venerdì 16 Marzo partenza alle ore 14:30
  • L’Eroica 17 “Eroica la Sinfonia nr. 3 di L.Van Beethoven: Sabato 17 Marzo partenza alle ore 14:30
  • L’Eroica 18 “L’Inno alla Gioia dalla Sinfonia nr.9 la “Corale” un Inno conclusivo alla Gioia, alla Vita, alla Corsa: Domenica 18 Marzo partenza alle ore 9:30.

I primi quattro giorni Daniele sarà accompagnato da una staffetta ufficiale di Eroica15-18, aperta anche a tutti coloro che vorranno accompagnarlo lungo il percorso, mentre la domenica mattina si unirà a tutti gli altri concorrenti per la Sinfonia conclusiva.

Parlavamo di donazione: per ogni Maratona-Sinfonia ci sarà un’azienda che vestirà il ruolo di “sponsor-donatore”,  con una donazione ad un’associazione Onlus il cui nome presto verrà reso noto.

5 Sinfonie, 5 Maratone, 5 Magliette diverse con il logo di ogni azienda abbinato a quello di Eroica15-18 a testimonianza della donazione. Ogni euro donato sarà reso pubblico da Eroica15-18 e Daniele Cesconetto.

Per me è sempre un piacere e un onore mettere a disposizione le mie gambe e quello che mi viene meglio nella vita, correre, per chi ne ha bisogno e che purtroppo non può farlo.
Daniele Cesconetto

Un immenso GRAZIE a Daniele da tutti noi di Eroica15-18. Un motivo in più per partecipare anche solo da spettatori agli eventi di Eroica15-18: vi aspettiamo numerosissimi il prossimo 18 marzo 2018 a Vittorio Veneto. Venite a correre con noi, ad incitare e applaudire i nostri Eroi, a fare festa con noi! Ne vedrete delle belle!

Con questa bellissima notizia Eroica15-18 chiude questo meraviglioso 2017 e vi augura una splendida conclusione e tutto il Meglio per il 2018!

Grazie per tutto il calore e la partecipazione che ci avete dimostrato finora.

[contact-form-7 id=”2895″ title=”Newsletter”]