NON DI SOLO CORSA VIVE IL RUNNER!

allenare-la-forza_eroica15-18_body-evidence_vittorio-veneto_18-marzo-2018

Come allenare correttamente i muscoli e la forza per migliorare la performance nella corsa ?

A cosa serve allenare la forza per un Runner? E’ importante aumentare la potenza?allenare-la-forza_eroica15-18_body-evidence_vittorio-veneto_18-marzo-2018_sprint_muscle_leg

Ebbene sì, è un dato di fatto che l’allenamento della forza nelle discipline di endurance, compresa la corsa, ha il potenziale di incrementare la performance negli atleti, in particolare modo migliorando l’economia del gesto, la velocità massima e ritardando l’insorgenza della fatica.

Come vi abbiamo anticipato nell’articolo precedenteEroica15-18 propone un percorso di preparazione dedicata a tutti i propri fans, grazie al supporto del Centro Sinergy Med 2.0 e della Palestra Body Evidence. E’ stato studiato e predisposto appositamente per i runners, uno straordinario percorso di allenamento con l’obiettivo di ottimizzare la loro performance.

allenare-la-forza_eroica15-18_body-evidence_vittorio-veneto_18-marzo-2018_squat_floor

Entriamo nello specifico. Per migliorare le capacità di forza è necessario utilizzare esercizi mirati e proporre stimoli specifici. Allenamenti propri degli atleti di resistenza, anche se impegnativi, come lavori intervallati o prove ripetute non sono sufficienti per migliorare gli aspetti neuromuscolari.

La scelta e la corretta esecuzione degli esercizi è quindi un aspetto fondamentale e dipende anche dalla tipologia di percorso che si andrà ad affrontare. Nel caso di una gara come l’Eroica15-18 Marathon, i dislivelli da affrontare richiederanno una particolare attenzione da parte del runner, all’allenamento della forza. Questo aspetto è molto importante perché, oltre a permettere una più facile gestione dello sforzo durante la gara, tornerà utile, sia nel recupero del primo periodo che nel proseguo della stagione, anche per chi si dedicherà alla sempre più popolare disciplina del trail running.

allenare-la-forza_eroica15-18_body-evidence_vittorio-veneto_18-marzo-2018_tapis_light_green

In parallelo allo sviluppo della forza specifica, il piano si focalizzerà anche sugli aspetti legati alla prevenzione degli infortuni: per questo nel piano di allenamento sono inserite le esercitazioni mirate al riequilibrio muscolare degli arti inferiori. A tal proposito verrà data grande attenzione alla prevenzione dei sovraccarichi a livello del ginocchio, alla stabilità ed efficienza del core ed alla tonificazione ed efficienza del busto e degli arti superiori. Il vantaggio di questo piano creato appositamente per Eroica15-18 e di essere seguiti da istruttori dedicati, è quello di poter ricevetre un programma di lavoro sulla forza integrato e modulato con il programma programma di allenamento generale da svolgere outdoor e che costituisce la parte principale del percorso di avvicinamento alla gara.

La Palestra Body Evidence offre a tutti i runners e a tutti i loro amici che vogliono prepararsi in maniera accurata per gli eventi EROICA15-18, una PROMOZIONE DEDICATA che comprende un bouquet di attività specifiche e mirate al miglioramento delle performance del Runner.

Il percorso è basato sulle esigenze specifiche dettate dal particolare percorso dell’EROICA15-18 Marathon. Ma verranno inseriti e proposti mezzi e metodi di allenamento che permetteranno di affrontare al meglio anche la 5^Maratonina della Vittoria o la bellissima City Run: 8km di puro divertimento correndo in centro a Vittorio Veneto.

Per tutte le informazioni necessarie scriveteci a info@maratoninadellavittoria.it.

Affrettatevi il percorso inizia il prossimo 8 gennaio 2018 ed è un bellissimo regalo per il vostro Natale.

Registratevi alla nostra Newsletter per tutte le novità su Eroica15-18, il Running e gli eventi sportivi del prossimo 2018!

[contact-form-7 id=”2895″ title=”Newsletter”]

Runners: l’aiuto dei professionisti

eroica15-18_sinergy-med_correre-senza-problemi-l'aiuto-dei-professionisti_blog-post_marathon

Correre è una delle più naturali ed affascinanti attività che possiamo praticare liberamente. Il fascino della Corsa ha su tutti i Runners, un benefico effetto che incrementa nel tempo il desiderio di migliorare la propria forma fisica, di incrementare le performances, fino ad arrivare ad affrontare le gare importanti come una Mezza Maratona e la Maratona stessa.

Eroica15-18 offre a tutti i Runners uno straordinario percorso di affiancamento e supporto, attraverso la professionalità, l’esperienza e la passione per lo studio del corpo umano del Centro Sinergy Med 2.0 di Conegliano. Lo scopo è quello di affiancare al podista dei professionisti, al fine di portarlo al massimo della forma a Vittorio Veneto il prossimo 18 marzo 2018, e poi anche di proseguire senza intoppi e infortuni per il resto della stagione.

La Dott.ssa Carla De Conti ed il Dott. Stefano Martini, fisioterapisti con grande esperienza nella fisioterapia sportiva, hanno ideato e creato appositamente per Eroica15-18 un viaggio a tappe per dare l’opportunità, a tutti i Runners, di conoscere al meglio le proprie potenzialità nella corsa, prevenire infortuni e incrementare le proprie performance. Metteranno a disposizione tutta la loro esperienza e forniranno indicazioni precise e funzionali alla preparazione della Maratona, della Mezza Maratona e della City Run in un pacchetto dall’alto valore professionale.tefano_Carla_Sinergy-Med_centro_Eroica15-18_marathon_vittorio-veneto_18-marzo-2018

Il Centro Sinergy Med 2.0 oltre all’approfondimento nelle dinamiche legate alla corsa, è specializzato nel trattamento e nella prevenzione dei disturbi muscolo-scheletrici acuti e cronici, come ad esempio cefalee ed emicranie, lombalgia e dorsalgia, tendinopatie, lesioni muscolari, sciatalgie e brachialgie, spalla dolorosa, esiti di distorsioni, esiti di fratture, riabilitazione post chirurgica, scoliosi ed alterazioni posturali di varia natura.

La corsa, in tutte le sue modalità strada, trail, distanze lunghe e corte, rappresenta uno dei principali ambiti di interesse ed intervento del Centro Sinergy Med 2.0. Dove trova massimo supporto sia lo sportivo professionista che amatoriale, attraverso la valutazione funzionale e biomeccanica, dell’attività sportiva svolta, la prevenzione e il trattamento di eventuali infortuni o traumi. L’approccio avviene esclusivamente attraverso la Terapia Manuale, l’esercizio terapeutico e con la collaborazione con preparatori atletici ed allenatori.
Fisioterapia applicata al Running, ma non solo: il Centro Sinergy Med 2.0 propone anche la valutazione delle abitudini alimentari del Runner e il successivo piano alimentare studiato su misura per ogni Runner: la corretta nutrizione sportiva è un elemento di grande valore aggiunto per migliorare le performance e prolungarne l’efficacia nel tempo, oltre che a mettere in condizione il nostro corpo di allenarsi senza problemi ed affrontare le gare con la massima tranquillità e serenità.
Il pacchetto prevede anche il supporto della palestra Body Evidence per tutto quello che riguarda il lavoro muscolare e particolari tecniche di allenamento da abbinare alla corsa per prepararsi ad affrontare al meglio i dislivelli dei percorsi collinari come Eroica15-18 MarathonNe parleremo nello specifico la prossima settimana quando vi presenteremo il percorso completo con tutte le agevolazioni riservate agli amici Runners di Eroica15-18. Non perdetevi questa preziosa opportunità e restate sintonizzati su Eroica15-18 e Sinergy Med 2.0.

Per essere sempre informati su tutte le news di Eroica15-18 iscrivetevi alla nostra Newsletter:

[contact-form-7 id=”2895″ title=”Newsletter”]

Corsa e allenamento: il “Manuale D.O.C.”

manuale-doc-ottusamente-deviato-per-la-corsa_blog_eroica15-18_pillole-di-allenamento

Correre è prima di tutto un piacere, una gioia che dona al runner grazie tutta una serie di miglioramenti sia dal punto di vista fisico che da quello mentale.
Una volta iniziato con il jogging, è molto probabile che scatti la voglia di migliorare ancora, di aggiungere qualche chilometro al solito giro, di arrivare in cima a quella salita senza camminare.
Fino al momento in cui nasce dentro quella voglia della grande sfida: la Maratona.

Ma come prepararla, come arrivare in piena forma quel giorno e soprattutto come facciamo a capire qual è il giusto allenamento per migliorare senza incappare in infortuni?

Eroica15-18 suggerisce come punto di partenza, questo bellissimo libro “Il Manuale D.O.C. Deviato Ottusamente per la Corsa”, di Simone Cellini, SBC Edizioni, che nasce dall’esperienza di blogger dell’autore, molto interessante il suo blog Runner 451, dalla sua grande passione e amore della corsa, da anni di studi sulle tecniche di allenamento, sulla fisiologia applicata allo sport e soprattutto sulla sperimentazione e verifica sul campo con sé stesso e con molti runners che allena personalmente. Un manuale non manuale sulla corsa. Un manuale scritto non da un campione del Running, ma da un amatore per amatori della corsa, per chi ama correre e per chi vuole imparare a farlo.

Simone-Cellini_pillole-di-Maratona_blog_Manuale-ottusamente-deviato-per-la-corsa

manuale_doc_pillole-di-maratona_blog_Eroica15-18

Evidenziamo la parola passione, che traspare forte nel libro e che l’autore ha per la corsa e ha voluto trasmettere in tutto il libro, sia nelle parti più tecniche, che in quelle più narrative. La passione, ma anche l’equilibrio, perché “Deviato Ottusamente per la corsa” richiama l’amore incondizionato per questo sport, è però anche importante tenere ben presente che le passioni possono creare dipendenza e le dipendenze vanno controllate. Il divertimento ed il benessere innanzitutto, senza perdere il controllo, altrimenti le passioni diventano prigioni.

Come scrive l’autore nella prefazione, “Chi ci insegna ad essere normali quando siamo unici?…le istruzioni devono essere strumenti e non obiettivi…questo manuale non ha la pretesa di essere assolutistico, è una lettura con tanti consigli, da fare propri. Un manuale che aiuti a diventare podista, un runner, che non limiti la passione per la corsa, ma la valorizzi, la faccia emergere in superficie, che dia gli strumenti per essere un runner consapevole e felice, orgogliosi di ciò che si è, di ciò che si riesce a fare, con le proprie forze, senza l’ansia del risultato o di dimostrare qualcosa a qualcuno, se non a se stessi”.

Il libro è suddiviso in quattro parti: nella prima troviamo storie reali di runner amatoriali, che conducono il lettore a scoprire e poi identificarsi con i personaggi che si raccontano e a calarsi nel mood del libro. La seconda parte è dedicata ai principianti, a chi ha appena iniziato e molto utile a tutti coloro che corrono. Qui si affrontano gli aspetti fondamentali: come scegliere le scarpe da running, la “cassetta degli attrezzi per correre”, i primi allenamenti e poi man mano fino ad affrontare la sfida alla prima maratona. La terza parte è dedicata a chi da principiante è diventato un vero amatore: qui troverete indicazioni molto preziose sulla preparazione atletica, sul miglioramento della velocità, e un capitolo importantissimo su come gestire le emozioni nelle competizioni. Troverete consigli su cosa fare il giorno prima e dopo della gara e tantissimo altro. L’ultima parte, un vero e proprio dizionario della corsa, con quattro capitoli dove vengono riassunti le tipologie di allenamento e tutti i termini tecnici utilizzati nel manuale. Un percorso lungo 31 capitoli tutti di corsa: bellissimo, coinvolgente, divertente, preciso, chiaro, esaustivo.

Non vi resta che cliccare a questo link e acquistare la vostra copia. Scoprirete che per Natale il vostro acquisto può fare del bene anche agli altri, essendo legato ad una bellissima iniziativa di beneficienza.

Buona Lettura.

Rimanete sempre aggiornati con le nostre News iscrivendovi alla Newsletter di Eroica15-18

[contact-form-7 id=”2895″ title=”Newsletter”]

 

 

Nutrizione Sportiva durante l’esercizio fisico

nutrizione_sportiva_laura-martinelli_eroica15-18_6-dicembre-2017_dalla-teoria-alla-pratica_scuola-di-maratona_brooke_lark

Il prossimo 6 dicembre presso l’Aula Magna del Campus Giovanna D’arco di Vittorio Veneto si terrà un’interessantissima conferenza sulla Nutrizione Sportiva che fa parte delle “Serate con gli Esperti” organizzate dalla Scuola di Maratona di Vittorio Veneto.

Relatrice sarà la Dott.ssa Laura Martinelli, Docente di nutrizione sportiva, laureata in Dietistica e Master in Sport&Exercise Nutrition è stata Segretaria Regionale dell’Associazione Nazionale Dietisti Veneto e Trentino Alto Adige. Attualmente è Membro del Comitato Tecnico Scientifico ANDID (Associazione Nazionale Dietisti) e socio dell’European College of Sport Science. Dirige il Poliambulatorio Sportscience ed è dietista per la squadra di ciclismo Bahrain Merida Cycling Team.

Il focus della serata sarà tutto sulla corretta nutrizione durante l’esercizio fisico. Anche gli sport di resistenza come la corsa prolungata ed il ciclismo, necessitano di grande attenzione da parte dell’atleta nella scelta dei cibi, nella loro preparazione ed anche nel loro dosaggio. Questo non solo in prossimità di un impegno sportivo, di una competizione, ma soprattutto durante tutta la preparazione, o meglio ancora sempre, in qualsiasi momento della vita quotidiana. serata-con-gli-esperti_scuola-di-maratona_nutrizione-sportiva_eroica15-18

Lo fa notare direttamente la Dott.ssa Martinelli:

“Spesso mi viene chiesto: – Cosa dovrei mangiare prima di una gara? – E io rispondo: – Cosa pensi di mangiare e bere da adesso fino a quel giorno? – Troppo spesso si dà eccessiva importanza al solo pasto pre-gara, trascurando la corretta nutrizione, idratazione e supplementazione che stanno alla base delle nostre abitudini quotidiane. Una corretta nutrizione sportiva si basa su una sana e corretta alimentazione, per poi erigersi verso le esigenze più raffinate dell’atleta. Non ci sono assiomi o verità assolute, la nutrizione sportiva è tutto fuorché una scienza esatta; tuttavia ci sono indicazioni, linee-guida e principi fondanti che nel corso degli anni hanno raggiunto elevati gradi di validità scientifica. Partiamo da lì, partiamo dalle basi della nutrizione sportiva per l’allenamento e la competizione, per quei giorni in cui la gara è ancora distante e per quelli in cui “quel che è fatto è fatto” e si cerca solo di recuperare al meglio per il grande giorno. Aggiungendo, perché no, qualche consiglio pratico per prevenire le problematiche più comuni come ad esempio i disturbi gastrointestinali durante l’esercizio.”

women_running_eroica15-18_vittorio-veneto_18-marzo-2018
Runnig on Eroica15-18 Marathon track

Nello specifico saranno toccati i seguenti punti:

– Scelta e tempistica di assunzione dei carboidrati.
– Indicazioni di utilizzo dei prodotti per sportivi (gel, barrette…).
– Strategie per ridurre il rischio di problemi gastrointestinali.
– Corretta idratazione.
– Strategie nutrizionali per il recupero.

Si passerà poi dalla teoria alla pratica: la Dott.ssa Martinelli descriverà un piano nutrizionale dedicato a chi vuole correre una Maratona e nello specifico l’Eroica 15-18 Marathon. La prestazione di ogni atleta a parità di allenamento sia da l punto di vista qualitativo che quantitativo, migliora sensibilmente dal momento in cui l’atleta stesso pone la giusta attenzione al recupero e alla propria nutrizione. Questo permette inoltre di prolungare la “giovinezza agonistica”, limitare gli infortuni, mantenere nel giusto equilibrio il sistema immunitario. Tutto questo si traduce nel godere al massimo dei benefici fisici e psichici che la corsa e lo sport in genere donano a chi li sa praticare con la corretta conoscenza.

Cogliete questa occasione per sentire direttamente i consigli della Dott.ssa Martinelli che verranno modulati per atleti evoluti, runners con prestazioni “nella media”, per i podisti che corrono la Maratone per il puro piacere della corsa senza prestare attenzione al cronometro ed anche per chi coglierà l’occasione della Eroica15-18 Marathon per correre la sua prima maratona.

A questo link tutti i dettagli dell’incontro di domani 6 dicembre: Serate con gli Esperti!

Iscrivetevi alla nostra Newsletter: news, eventi, temi caldi sul mondo della corsa e dei nostri amati Runners!

[contact-form-7 id=”2895″ title=”Newsletter”]

 

 

 

 

 

Correre la Maratona : con la Mente e con il Corpo

correre-la-maratona-con-il-corpo-e-con-la-mente_eroica15-18_marathon_vittorio-veneto_blog_18-marzo-2018

Nello scorso articolo abbiamo parlato della corsa in inverno [leggi l’articolo], mentre oggi iniziamo il Viaggio verso la Maratona del prossimo 18 marzo 2018 che si correrà a Vittorio Veneto: l’Eroica15-18 Marathon.

L’evento è unico nel suo genere: ci sarà UNA sola edizione, il percorso si svilupperà quasi interamente su strade asfaltate, si attraverseranno i centri storici di alcuni dei paesi più belli d’Italia e ci si troverà immersi nelle colline trevigiane, costeggiando i laghi di Revine, affrontando la “Salita degli Eroi” e godendo di incantevoli panorami.

Se il dislivello del percorso di circa 600 metri, non permetterà di battere il record del mondo, la varietà dei paesaggi, gli scorci storici, le piste ciclabili, i saliscendi immersi nella natura, invece, daranno quell’energia in più, quel piacere di correre in luoghi incantevoli e soprattutto chiusi al traffico, che permetterà ai Runners di correre un’altra corsa, una sfida con se stessi, con i propri limiti, con l’Eroe dentro ognuno di noi.

Sarete i nostri Eroi: coloro che aldilà della prestazione cronometrica avranno affrontato magari per la prima volta la mitica distanza di 42 mila e 195 metri!

Ma quando un Runner è pronto per correre la sua prima Maratona?

È una domanda che sempre più amanti della corsa si pongono, perché prima o poi, tutti sentono il desiderio di confrontarsi con questa distanza: all’inizio può sembrare inavvicinabile, una sfida impossibile, ma poi la maggior parte di chi l’ha affrontata, riesce a vincerla. E mai come in questo caso il concetto di Partecipare è sinonimo di Vittoria.

Ma cosa deve fare un Runner per sentirsi pronto per la sua prima Maratona? Come si fa ad avere nel fisico e nella testa quelle caratteristiche che lo porteranno fino al traguardo?

Tralasciando per ora la parte tecnica della preparazione che prenderemo in considerazione nei prossimi articoli, oggi poniamo l’accento sull’aspetto mentale ed emotivo: un podista è pronto per la sua prima Maratona quando la sua Mente è convinta di potercela fare. Quando questa sfida scatena in lui quelle emozioni che valgono mille km di fondo, ripetute e intervall training. La passione, la forza di volontà, l’attitudine, la paura dell’incognito, il dubbio di cosa potrà trovare dopo le colonne d’Ercole al 32° chilometro, la dedizione e l’ebbrezza della sfida. Tutto ciò è la base alla quale aggiungere poi gli allenamenti.

La Maratona da un punto di vista fisiologico è una delle sfide meno naturali e automatiche che il corpo umano possa sostenere. Come afferma splendidamente il Prof. Tim Noakes: “Dio, nella sua infinita saggezza, ha stabilito per l’uomo un limite di distanza di corsa che si aggira sui 32 km, limite imposto dall’inadeguatezza delle scorte del carburante primario del maratoneta: i carboidrati. Noi, nella nostra umana saggezza, abbiamo stabilito che la distanza di una Maratona deve superare i 42 km. È in quella “terra di nessuno”, che inizia dopo il trentaduesimo km, che risiede l’irresistibile fascino della Maratona”.

https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Samurai_armor_-_Higgins_Armory_Museum_-_DSC05521.JPG
By Daderot (I took this photograph.) [Public domain], via Wikimedia Commons
E’ in quella “terra di nessuno” che emergono dentro ogni Runner forze fin prima sconosciute, energie che nessun integratore può fornire, e che fanno di un semplice Runner un Maratoneta.

Per Lo scrittore Mauro Covacich,del quale vi consigliamo il libro A perdifiato“il Maratoneta è un Samurai senza spada. E la maratona è un’arte marziale. Chi la corre compie una scelta estetica, non una sportiva. Lo sport non c’entra niente. Vorrei dire: Resistere alla più alta velocità possibile per una strada così lunga è la cosa più bella che una mente umana possa produrre. La mente non è il cervello, la mente è il sistema del corpo che pensa. La mente è la rete in cui il mio avampiede, il mio cuore, il mio glicogeno, i miei desideri, la mia memoria, tutto me stesso dialoga con tutto me stesso e con ciò che dall’esterno modifica o può modificare me stesso”.

Anche per questo e per la condivisa consapevolezza del Viaggio che la mente fa durante una Maratona, tutti noi di Eroica15-18,  accoglieremo ognuno ei partecipanti alla nostra Maratona come veri Eroi.

Il Viaggio verso il prossimo 18 marzo 2018 continua, in ognuno di noi, con tutti coloro che vorranno condividere la nostra passione, il nostro Amore per la Corsa.

Nei prossimi articoli continueremo a scoprire l’universo Maratona e quanto affascinante sia il Viaggio verso il traguardo e passo dopo passo ci prepareremo a Eroica15-18.

Iscrivetevi alla nostra Newsletter per tuti i nostri aggiornamenti e News!

[contact-form-7 id=”2895″ title=”Newsletter”]

 

 

I Runners e l’inverno: inarrestabili Eroi del freddo

isaac-wendland_eroica15-18_inverno_corsa_freddo_vittorio-veneto_18-marzo-2018

La stagione fredda ha iniziato con decisione a mandare i suoi freschi messaggi con un brusco calo delle temperature e l’aumento delle piogge che rendono meno agevole gli allenamenti e le gare.

Contrariamente però a qualche anno fa, i calendari nazionali sono sempre più ricchi di appuntamenti anche durante il periodo più freddo dell’anno. Molti weekend offrono più gare contemporaneamente a pochi chilometri una dall’altra. E questo rende sempre più semplice decidere dove correre, sia per chi cerca gare importanti e prestigiose, dove migliorare i propri personali sia, sia per coloro che non hanno bisogno di controllare il cronometro, ma vivono la corsa con leggerezza e come mezzo semplicemente per stare bene e mantenersi in forma.

emma-simpson-unsplash_eroica15-18_corsa_inverno_vittorio-veneto_18-marzo-2018_blog
Photo by Emma Simpson on Unsplash

Inoltre anche le gare non competitive sono migliorate significativamente dal punto di vista organizzativo, con la segnalazione dei chilometri, la chiusura al traffico, l’offerta di ristori sempre più ricchi. E questo può diventare un vantaggio per ogni tipo di atleta. L’appuntamento domenicale può essere utilizzato come allenamento specifico da parte di chi programma appuntamenti mirati in primavera; oppure la gara domenicale diventa un aiuto per coloro che hanno appena iniziato il loro viaggio nel mondo della corsa, perché offre la scusa giusta per correre in compagnia, trovare alleati nei momenti di fatica, correre su percorsi sicuri e non ultimo…sfruttare il “terzo tempo” al ristoro finale.

Un altro vantaggio della possibilità di continuare a gareggiare in inverno è quello di sfruttare queste gare per preparare una Maratona o una Mezza Maratona in primavera. E anche per questo motivo gli eventi di Eroica15-18 includono nel loro calendario alcune gare da sfruttare come preparazione per l’Eroica15-18 Marathon e la 5^ Maratonina della Vittoria in calendario il prossimo 18 marzo 2018.

runners_gruppo_scuola-di-maratona_eroica15-18_inverno_corsa_blog_vittorio-veneto_18-marzo-2018_pioggia_maratona
Photo by Scuola di Maratona ASD Vittorio veneto

Correre in gruppo inoltre aiuta a superare gli ostacoli principali della stagione fredda: temperature basse, pioggia e spesso la neve non invogliano certo ad uscire di casa e affrontare il maltempo. Se correte da tempo e costantemente tutto l’anno, non vi spaventerà di certo un po’ di vento o il freddo. Avrete già i vostri trucchi, la dimestichezza con il naso congelato e la giusta esperienza per affrontare allenamenti e gare nella stagione più rigida.

Chi si è avvicinato da poco alla corsa, dopo il primo periodo di adattamento articolare, inizia a godere dei benefici legati ad essa: perde peso, si sente più agile, con più energia. E scatta la voglia di sfruttare l’inverno per preparare qualche gara più lunga in primavera: una mezza maratona magari e per i più tosti una maratona.

Se vi siete avvicinati alla corsa da poco e desiderate continuare anche in inverno, eccovi qualche semplice consiglio su come affrontare al meglio la corsa quando fa freddo.

jenny-hill-unsplash_eroica15-18_corsa_inverno_vittorio-veneto_18-marzo-2018_blog
Photo by Jenny Hill on Unsplash
Primo suggerimento:

“Il brutto tempo non esiste”: è solo una questione mentale. Indossa una giacca anti pioggia leggera, scegli scarpe che ti proteggano bene i piedi e lanciati senza paura nel tuo percorso preferito.

Secondo accorgimento:

“Aumenta la tua visibilità”. La sicurezza quando corri è fondamentale. Fatti vedere subito dagli altri con braccialetti, fascie o giubbottini catarifrangenti. Nel caso tu ne sia sprovvisto, privilegia indumenti chiari e indossa una lampada da testa che ti aiuta anche a controllare il fondo stradale.

Terzo consiglio :

“Vestiti a strati”. Maglie traspiranti a contatto con la pelle, una felpa in pile isolante e poi a seconda di quanto il freddo sia pungente, copriti con una giacca a vento. E’ molto utile fare in casa  qualche semplice esercizio di stretching prima di partire: migliora il movimento delle articolazioni e rende più agevole la parte iniziale dell’allenamento.

Quarto consiglio :

“Cura bene il riscaldamento”. Dai più tempo al tuo corpo di adattarsi alla temperatura più rigida e percorri i primi chilometri ad andatura molto tranquilla. Con il tempo acquisirai quella sensibilità che ti farà percepire il momento che le tue gambe sono pronte per andature più veloci.

Ultimo suggerimento: sulla rivista Correre nel mese di novembre trovate un approfondimento del Dott. Luca Speciani sulla corsa con il freddo. Sullo stesso numero di novembre è presente anche Eroica15-18 con un bellissimo redazionale sul “percorso più bello del mondo”

Continuate a seguirci, nei prossimi articoli parleremo di come correre la Prima Maratona e sfatare il mito dell’impresa impossibile.

Iscrivetevi alla nostra Newsletter per non perdere news ed eventi organizzati da Eroica15-18!

[contact-form-7 id=”2895″ title=”Newsletter”]

 

 

Be An Hero: Donna e Maratona!

#BeanHero Donna e Maratona: Roberta Gibb Boston 1966
Cosa vuoi fare? No, scusa, spiegami bene, correre? E che c’è di strano? Infilati un paio di leggings esci e vai a correre, perchè ti lamenti donna!

“No, non hai capito : IO VOGLIO CORRERE LA MARATONA!”

Ti consideravano troppo debole, si diceva infatti che una donna è incapace di sopportare uno sforzo così prolungato. Ma non ti sei mai arresa a quei luoghi comuni. Oramai avevi trovato il modo di allenarti senza farti vedere tanto: ti immergevi nei boschi intorno a Boston e liberavi gambe e cuore in uno dei modi più belli e antichi di esprimere se stessi, correre liberi in natura. E ti sentivi una donna diversa, più ricca dentro, più forte.

Ma la Maratona è La Sfida, quell’impresa che va oltre ogni sogno di runner anche tra i maschietti, figurarsi per una donna. Infatti quel richiamo è troppo forte per essere ignorato. Quel miraggio, misterioso e ben poco esplorato rinchiuso in 26.2 miglia non si sfuma, anzi. E il tuo coraggio diventa ancora più forte di fronte al rifiuto da parte degli organizzatori della Boston Marathon, quando ti hanno risposto che la competizione era aperta solo agli atleti maschi.

“Erano tempi allucinanti ma anche stimolanti, la guerra in Vietnam, Kennedy assassinato, i diritti civili calpestati e difesi. Ma di donne niente, nessuno ne parlava. Eravamo esseri umani di seconda mano” Roberta Gibb

Così hai preso un autobus e da San Diego, dopo 4 giorni di viaggio sei arrivata a Boston. TI sei attaccata al viso una barba finta, ti sei nascosta tra i cespugli e donna_maratona_volti-eroica15-18_the-joy-of-running_marathon_vittorio-veneto… …. …. poi Via!

E nonostante corressi con le scarpe di tuo fratello, hai superato la Heart Break Hill e con crampi e piedi sanguinanti sei arrivata all’arrivo in 3:21’.

Hai aperto una nuova Via e hai corso per molto di più che raggiungere un traguardo personale, hai corso per cambiare il modo di pensare della gente, anche di molte donne. In quel momento in America, la maggior parte delle donne, in America come altrove, aspettava, secondo te, che qualcuno le sposasse, non di trovare un occupazione e l’autonomia personale. Nel ’65 eri già in grado di  correre per 40 miglia senza mai fermarti. E ti chiedevi: “Perché mai non considerano le possibilità fisiche di una donna?”. Hai iniziato la tua rivoluzione chiedendo di partecipare alla Maratona di Boston. Ma ll direttore di gara, ti rispose con disprezzo affermando che una donna non saebbe mai stata capace di sopportare mentalmente 26 miglia. E poi si appellò alle regole, al regolamenteo di allora che impediva ad ogni donna di partecipare.

Tu invece hai pensato che quella fosse una ragione in più per cambiarle queste dannate regole. E così fu: nonostante tutto e tutti, sei partita e hai vinto la sfida, hai realizzato il Sogno.

 

Registrati alla nostra Newsletter per restare aggiornato su tutti gli eventi di Eroica15-18!

[contact-form-7 id=”2895″ title=”Newsletter”]